Milano, 22enne egiziana espulsa per terrorismo

fatma-ashraf-shawky-fahmy.jpg

Una ragazza egiziana di 22 anni, identificata come Fatma Ashraf Shawky Fahmy, è stata espulsa dall'Italia perché ritenuta dalla Questura di Milano in procinto di compiere un attentato nel nostro Paese per conto dello Stato Islamico.

La giovane, nata a Giza, in Egitto, il 3 giugno 1995, era residente a Milano, nel quartiere Gratosoglio, insieme ai genitori e ai tre fratelli minorenni, secondo quanto ricostruito dalla DIGOS aveva iniziato da alcuni mesi un percorso di radicalizzazione dopo essere stata in contatto, negli ultimi quattro anni, con un membro dell'ISIS che risponde al nome di Abdallah Hasanyan Al-Najjar.

A lui, sempre secondo la Digos, la giovane aveva chiesto di organizzarle un viaggio nel territorio controllato dallo Stato Islamico passando per la Turchia. Quel viaggio non era riuscito a concretizzarsi e per questo la giovane, senza precedenti penali ed in regola col permesso di soggiorno, aveva progettato di compiere un attentato in Italia.

Tutto era quasi pronto, secondo quanto emerso, mancava soltanto l'ordine ufficiale da parte dei superiori. Per settimane la giovane e la sua famiglia sono state intercettate e al momento dell'arresto sono state rinvenute tracce di contatti con esponenti dello Stato Islamico nel tablet della 22enne.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO