Mercato di schiavi in Libia, rimpatriati 155 migranti

Le ultime rivelazioni sui mercati di schiavi in Libia hanno reso possibile il rimpatrio di 155 migranti in Costa d'Avorio.

Tra le persone che rischiavano di essere vendute come schiavi c'erano 89 donne e numerosi minorenni. Si trovavano el centro di detenzione di Zouara e ora sono stati trasferiti nel loro paese d'origine.

Issiaka Konate, il direttore del dipartimento statale che si occupa degli ivoriani all'estero, ha raccontato: "La maggior parte di loro era nel centro di detenzione di Zouara, adesso grazie all'ambasciatore della Costa d'Avorio e all'Organizzazione internazionale per i migranti possiamo organizzare piccoli viaggi per trasferirli tutti qui ad Abidjan".

Tra le ultime catene internazionali a parlare dei mercati di schiavi in Libia c'è anche la Cnn, che qualche giorno fa rivelava in un suo reportage cosa accadeva in un mercato di esseri umani a Tripoli. Nel filmato proposto dall'emittente americana, si sente una voce che mette all'asta "giovani grandi e forti".

Per commentare quelle immagini è intervenuto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: "Sono inorridito dalle notizie e dai video sui migranti africani in Libia venduti come schiavi. Aborrisco questi atti spaventosi".

"La schiavitù non ha posto nel nostro mondo, queste azioni sono tra gli abusi più gravi dei diritti umani e possono costituire crimini contro l’umanità", ha aggiunto, chiedendo poi "a tutte le autorità competenti di indagare su queste attività immediatamente, consegnando i responsabili alla giustizia".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO