Piombino, guardia giurata uccide l'uomo che gli aveva rubato il telefono

via-ferrer-piombino.jpg

Un uomo di 33 anni, la guardia giurata Marco Longo, è stata arrestata dopo che ha confessato di essere l'autore dell'omicidio del 32enne tunisino Hamdi Fathel, trovato legato a letto e carbonizzato martedì scorso.

La confessione è arrivata ieri sera durante l'interrogatorio condotto dal pm Fiorenza Marrara. Longo, originario della Sicilia, ha riferito di aver compiuto il barbaro delitto in seguito al furto del suo telefono cellulare da parte di Hamdi Fathel, suo conoscente di vecchia data, poche ore prima.

La guardia giurata sarebbe riuscita a rintracciare Hamdi Fathel e raggiungerlo a casa. Lì, secondo il racconto dell'uomo, Longo avrebbe esploso due colpi di pistola contro il 32enne e di averlo ucciso.

Poi, nel tentativo di depistare le indagini, ha legato il cadavere a letto e, dopo esser riuscito a recuperare il suo telefono cellulare i due proiettili esplosi, avrebbe messo due monete da 20 centesimi di euro sugli occhi della vittima e avrebbe dato fuoco all'intera abitazione, così da cancellare ogni possibile prova della sua presenza.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO