Papa Francesco corregge la preghiera Padre Nostro: "Non è Dio a indurci in tentazione"


Da domenica scorsa, nelle messe in Francia, è entrata in vigore la nuova traduzione francese della Bibbia con una importante modifica. Nel testo della preghiera del Padre Nostro non si legge più "Et ne nous soumets pas à la tentation", cioè "Non ci indurre in tentazione" ma "Et ne nous laisse pas entrer en tentation", ovvero "Non lasciarci entrare nella tentazione".

La sostanziale modifica è stata commentata da Papa Francesco nel corso della puntata di oggi "Padre Nostro", programma di Tv2000 che ospita ad ogni appuntamento un dialogo con il Pontefice.

Bergoglio spiega che la traduzione entrata in vigore in Francia è quella corretta, visto che non è Dio a indurci in tentazione. "La frase 'Non ci indurre in tentazione' non è una buona traduzione", ha detto il Papa.

Questa la spiegazione di Papa Francesco: "Anche i francesi hanno cambiato il testo con una traduzione che dice 'Non mi lasci cadere nella tentazione', perché sono io a cadere, non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto. Un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito".

"Quello che ti induce in tentazione è Satana, quello è l'ufficio di Satana", aggiunge Francesco.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 441 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO