Caso Ragusa, in appello confermati 20 anni per il marito

antonio logli

È stata confermata in appello la condanna a 20 anni di carcere per Antonio Logli accusato dell'omicidio della moglie Roberta Ragusa scomparsa da Gello di San Giuliano Terme, Pisa, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. La Corte d'Assise d'appello di Firenze ha confermato la condanna di primo grado per Logli, l'imputato era presente in aula al momento della lettura della sentenza.

Caso Ragusa: chiesta conferma della condanna per Logli

Antonio Logli era presente in aula oggi per l’udienza del processo di secondo grado a suo carico presso la Corte d'assise d'appello di Firenze. Logli è stato già condannato per l’omicidio e la distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa - cadavere che però non è mai stato rinvenuto - prendendo venti anni in primo grado con il rito abbreviato.

Roberta Ragusa scomparve dalla sua casa di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, tra il 13 e il 14 gennaio del 2012. Insieme ad Antonio Logli oggi in udienza, svoltasi in camera di consiglio a porte chiuse, era presente per la prima volta anche il figlio Daniele di 21 anni.

L’udienza si è praticamente aperta con la requisitoria della procura generale dopo il rigetto da parte della corte della richiesta della difesa di riaprire parte dell'istruttoria per sentire nuovi testi.

Il sostituto procuratore generale di Firenze Filippo Di Benedetto alla fine della requisitoria ha chiesto che venga confermata la condanna a venti anni di reclusione a carico di Antonio Logli e l'arresto in carcere.

A quasi sette anni di distanza dalla scomparsa di Roberta Ragusa il giallo resta: la prima udienza preliminare si è conclusa con il non luogo a procedere per Logli, poi la successiva condanna in primo grado e ora l’appello da cui l'uomo - che si è sempre proclamato innocente - spera di uscire vincitore: "spero mi assolvano".

Secondo la pubblica accusa l’omicidio di Roberta Ragusa sarebbe avvenuto la notte della presunta scomparsa dopo un acceso litigio con il marito: la donna avrebbe scoperto che Logli la tradiva con l’ex baby sitter dei loro figli, attuale compagna dell'imputato.

Il figlio di Logli nei giorni scorsi ha fatto depositare in Tribunale, tramite il suo avvocato, una memoria difensiva a favore di suo padre, memoria che mirerebbe a smontare la ricostruzione degli inquirenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO