Massacrata di botte dopo un rifiuto: 44enne in prognosi riservata

L'arrestato è una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, denunciato anni fa da sua madre per maltrattamenti e percosse.

picchia-amica-modena.jpg

Aggiornamento ore 20:53 - Avrebbe massacrato di botte in strada una donna a Modena solo perché lei lo aveva rifiutato. Il movente della feroce aggressione sarebbe quindi passionale. Per la donna la prognosi resta riservata, ha fratture alla testa e al volto, anche se le sue condizioni sarebbero in miglioramento come comunicano dall'ospedale in cui è ricoverata.

Secondo la ricostruzione della Squadra mobile davanti al rifiuto della donna, cui aveva inviato diversi sms, l’uomo avrebbe perso la testa. Per salvarsi dalla violenta scarica di calci e pugni la vittima si sarebbe anche finta morta. L’arrestato avrebbe confermato il suo proposito di voler uccidere la 44enne non appena sarà "a piede libero".

Modena, picchia a sangue l'amica poi chiama la polizia: "l'ho uccisa"

Ha picchiato a sangue un’amica per la strada, a Modena, provocandole lesioni gravissime. Un’aggressione così violenta da costare a un uomo di 40 anni l’accusa di tentato omicidio.

L’episodio di inaudita violenza si è consumato nella notte tra martedì e mercoledì scorsi in Via Graziani, vicino al centro storico di Modena. Nelle successive ore la polizia ha posto in stato di fermo il presunto responsabile dell’aggressione.

Sarebbe stato lui stesso ad avvisare la polizia con una telefonata, l’uomo era convinto di aver ammazzato di botte la donna, di 44 anni: "Ho ucciso la mia amica” avrebbe detto agli agenti.

L'arrestato sarebbe una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, denunciato anni fa da sua madre per maltrattamenti e percosse. Secondo le testimonianze raccolte dalla polizia la vittima dell’aggressione è stata ripetutamente presa a calci e pugni in viso.

Soccorsa e ricoverata all’ospedale di Baggiovara è assistita e tenuta sotto stretta osservazione: le lesioni riportate sarebbero gravi, i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.

Lato indagini, è buio sul movente della feroce aggressione. Gli investigatori della polizia di Modena parlano di non meglio precisati futili motivi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 29 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO