Un morto e due feriti a Follonica, l'arrestato ammette: sono stato io

Follonica, via Matteotti

Avrebbe confessato Raffaele Papa, il 29enne accusato di aver aperto il fuoco ieri Follonica contro i fratelli Salvatore e Massimiliano De Simone, rispettivamente di 42 anni e 52 anni. Il primo è morto mentre il secondo è rimasto ferito così come ferita è rimasta una donna, la dipendente di una farmacia che si è trovata al momento sbagliato nel posto sbagliato.

Gli spari di ieri pomeriggio in Via Matteotti di Follonica, in pieno centro, solo per un caso non hanno provocato altri feriti o altre vittime. L’arrestato non avrebbe proferito una parola fino a oggi, interrogato ripetutamente alla fine sarebbe crollato davanti agli inquirenti. “Si sono stato io” avrebbe detto Papa senza fornire ulteriori dettagli, né sulla dinamica né sul movente del suo gesto, anche perché avrebbe aggiunto "non me li ricordo”.

Raffaele Papa, originario di Grazzanise (Caserta), viveva a Follonica da 7 anni, qui gestisce una rosticceria che si trova proprio di fianco all'hotel Stella gestito dai fratelli De Simone. I quotidiani locali parlano di un litigio scoppiato tra Papa e i De Simone per delle infiltrazioni d’acqua che da un muro attiguo all’hotel finivano sulla rosticceria. Secondo la ricostruzione dei carabinieri al culmine di questa lite Papa sarebbe andato a casa a prendere la pistola per poi sparare ai due fratelli, cinque i colpi esplosi in tutto, di cui due sono andati a vuoto.

Uno ha invece raggiunto alla testa la dipendete della farmacia che stava tonando a casa. La donna, di 55 anni, è ricoverata da ieri in gravissime condizioni in ospedale, in prognosi riservata così come l’altro ferito Massimiliano De Simone. Entrambi si trovano nel reparto di rianimazione dell’ospedale Le Scotte di Siena. L’arma con cui Papa avrebbe ammesso di aver sparato intanto è stata rinvenuta, si tratta di una pistola calibro 9 con la matricola abrasa, trovata dai sommozzatori dei carabinieri nel torrente Gora, alle porte di Follonica. Subito dopo gli spari in strada e prima di essere arrestato Papa aveva tentato la fuga a bordo di un potente Suv.

Follonica, spari in strada: un morto e due feriti

13 aprile 2018 - Grosseto - Una persona è morta e due sono rimaste gravemente ferite. È questo il bilancio di una sparatoria avvenuta nel pomeriggio di oggi a Follonica, al termine di una banalissima lite tra vicini di casa. Il litigio è scoppiato quando un uomo, il titolare di un negozio di gastronomia, si è andato a lamentare con i gestori di un vicino hotel per dell'acqua che sarebbe caduta sulla sua attività dai balconi dell'albergo.

A quanto pare la discussione sarebbe in pochissimo tempo degenerata, passando dalle parole alle offese sempre più pesanti. Ad un certo punto il titolare della gastronomia si sarebbe allontanato dicendo: "vado a prendere la pistola". Incredibilmente è proprio questo che ha fatto, esplodendo diversi colpi di arma da fuoco. Salvatore De Simone, uno dei due albergatori, è rimasto ucciso. A terra sono rimaste altre due persone ferite: un uomo, il fratello della vittima, e una donna, una passante che ha avuto la sfortuna di ritrovarsi sulla linea di tiro del folle.

L'assassino si è dato inizialmente alla fuga, ma successivamente è stato individuato ed arrestato dalle forze dell'ordine.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO