Gela: come si allenavano a sparare i boss prima di essere arrestati [VIDEO]

boss mafia spara

La polizia di Caltanissetta ha arrestato 10 persone ritenute di appartenere al clan Rinzivillo di Gela, legato a Cosa nostra. Gli indagati, secondo quanto riferiscono gli inquirenti, sono accusati di associazione a delinquere, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, oltre che di aver modificato armi giocattolo o a salve rendendole idonee allo sparo.

A proposito di questa accusa, la polizia ha registrato tramite telecamere nascoste le “prove” effettuate dagli affiliati alla cosca. Come si vede chiaramente dalle immagini, boss e picciotti si allenavano a sparare in aperta campagna, nei pressi di alcuni casolari.

Secondo quanto riferisce ‘Ilfattoquotidiano.it’, dalle intercettazioni sarebbe emerso anche un particolare attivismo da parte di uno degli arrestati e dei suoi familiari nella gestione di un laboratorio all’interno del quale venivano appunto trasformate armi giocattolo in pistole idonee allo sparo e destinate alla rivendita. Alcune parti meccaniche necessarie per la modifica per le armi da fuoco sarebbero state acquistate a Catania.

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO