Roma, arrestato personal trainer che molestava e faceva prostituire le sue clienti

Le convinceva grazie al suo bell'aspetto e alla cocaina.

Personal trainer arrestato a Roma per prostituzione

Un personal trainer di 46 anni è stato arrestato a Roma e condotto nel carcere di Regina Coeli perché molestava alcune sue giovani clienti e le convinceva a prostituirsi. È accusato di aver indotto alla prostituzione almeno tre ragazze, ma gli inquirenti sospettano che le vittime siano state di più.

In pratica, sfruttando il suo ruolo e il suo bell'aspetto, il personal trainer convinceva le ragazze a prestarsi a giochi erotici che includevano la pratica del bondage, sottoponendole a umiliazioni e punizioni a sfondo sessuale, promettendo anche che in questo modo avrebbero raggiunto una migliore forma fisica. Poi, una volta che entrava in confidenza con le ragazze, avendo anche dei rapporti con loro nel suo studio, le convinceva a prostituirsi organizzando degli incontri in alcuni alberghi di Roma. Spesso erano incontri a tre e le tariffe andavano dal 130 ai 300 euro per incontri con due ragazze. Ma queste ultime, subito dopo i rapporti con i clienti, dovevano consegnare tutti i soldi al personal trainer.

Grazie agli amici di una delle vittime, glia genti del commissariato San Paolo sono intervenuti, hanno fermato la ragazza, appena ventenne, mentre stava per incontrare un cliente, poi si sono fatti raccontare tutto quello che è successo e l'hanno seguita quando lei è andata a incontrare un'altra vittima con cui doveva fare sesso a tre con un altro cliente. Anche l'altra ragazza ha confessato tutto agli agenti. Poi gli investigatori hanno organizzato un blitz: le due ragazze hanno consegnato dei soldi, che erano stati precedentemente fotocopiati, al personal trainer e in seguito gli agenti sono entrati nello studio dell'uomo dove hanno trovato il denaro, dei sex boys per la pratica del bondage, uno smartphone usato per fissare gli incontri con i clienti e della cocaina e pare che quest'ultima venisse usata nel rituale di convincimento delle vittime. Sembra anche che un'altra ragazza, inizialmente sua vittima, fosse poi diventata sua complice.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO