Pomezia: prostituzione in centri massaggi, cinque arresti [VIDEO]

centri massaggi prostituzione

Pomezia - Cinque persone, tutte di nazionalità italiana, sono state arrestate oggi con l’accusa di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Tramite una serie di annunci online, veri e propri specchietti per le allodole, assumevano ragazze promettendo loro un lavoro come “segretaria”, ma in realtà le stesse venivano avviate alla prostituzione all’interno di centri massaggi situati tra Roma e Pomezia. Gli arrestati, quattro uomini e una donna, sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Ad avviare le indagini la denuncia di una ragazza che dopo aver risposto all’annuncio, durante il colloquio si è sentita chiedere prestazioni sessuali. Da qui, gli inquirenti sono partiti fino ad arrivare ad un vasto giro di prostituzione: gli incontri delle ragazze con i clienti avvenivano prevalentemente all’interno di due appartamenti, uno sito a Pomezia, in Via dei Castelli Romani, e l'altro a Roma, in Via Antonio Pacinotti, che venivano spacciati per centri massaggi. Nel giro di prostituzione erano coinvolte diverse giovani, alcune italiane, altre dell’est Europa, cadute nella rete poiché bisognose di sostentamento.

Tra gli arrestati, due di loro, uno di 42 e uno di 32 anni, sono stati rinchiusi nel carcere di Velletri. Secondo gli investigatori, infatti, erano loro a farsi consegnare dalle ragazze il 60% di ciò che guadagnavano nell’esercizio della prostituzione. Gli altri tre indagati, invece, si trovano agli arresti domiciliari: si tratta di una donna di 41 anni e due uomini, uno di 50 e uno di 65 anni, accusati di aver favorito la prostituzioni foraggiando le ragazze, gestendo gli appuntamenti e la contabilità del giro illecito.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO