Tragedia sull'A14: l'uomo aveva spinto la moglie dal balcone prima di lanciare la figlia dal ponte

Prima della tragedia che si è consumata sull'A14, l'uomo aveva ucciso la moglie secondo l'autopsia

lancia la figlia dal ponte a 14 francavilla al mare

Aggiornamento, 22 maggio ore 23.00 - Secondo i risultati dell'autopsia Fusto Filippone avrebbe ucciso la moglie prima di far precipitare la figlia di 11 anni da un viadotto dell'A14, all'altezza di Francavilla al Mare, e lanciarsi lui stesso nel vuoto. Dietro la morte della donna non c'è dunque, secondo le prime informazioni che trapelano dagli esami autoptici, nessun incidente: nessuna caduta accidentale dal balcone, nessun malore o men che meno suicidio. La donna sarebbe stata spinta di sotto dal marito in base alla tipologia di lesioni e alla traiettoria. L'autopsia ha escluso anche una precedente colluttazione.

Francavilla al Mare: lancia la figlia dal ponte e poi si suicida. Le ipotesi degli inquirenti

Aggiornamento, 21 maggio - La polizia sta indagando sull'omicidio-suicidio che ha avuto luogo ieri sul viadotto dell'A14 a Francavilla al Mare (Chieti). Gli inquirenti stanno cercando di capire cosa abbia spinto Fausto Filippone a gettare sua figlia di 12 anni da un viadotto, per poi lanciarsi a sua volta nel vuoto dopo circa 6 ore di trattative.

La polizia sta cercando anche di far luce sulla morte di Marina Angrilli, insegnante di 51 anni, moglie di Filippone, deceduta sempre ieri presso l'Ospedale Santo Spirito di Chieti due ore dopo il suo arrivo. La donna era finita in ospedale dopo un volo dal balcone dell'abitazione familiare di via Roccaraso, nel quale risiedeva l'intera famiglia. Gli inquirenti sospettano che la donna sia stata spinta o lanciata giù dal balcone ad opera del marito, ma al momento tutte le ipotesi sono aperte.

Poco prima di lanciarsi dal viadotto, Fausto Filippone ha gettato nel vuoto un foglio sul quale c'erano appuntati dei nomi di persona. Gli inquirenti l'hanno recuperato e adesso stanno cercando di capire quale valore abbia avuto quella lista di nomi per Filippone.

Francavilla al Mare: lancia la figlia dal ponte poi si suicida

20 Maggio 2018

20.57 - Secondo quanto riferisce l'Ansa è morto il 49enne gettatosi dal viadotto sull'A14 dopo che avrebbe lanciato dallo stesso ponte la figlia della convivente, morta all'istante. Inutili i tentativi dei mediatori di far desistere l'uomo dal suo intento: dopo aver chiesto scusa e intimato ai vigili del fuoco di non aprire il telone gonfiabile si è lanciato nel vuoto.

20.30 - Dopo oltre sei ore di trattative il padre che oggi avrebbe lanciato la figlia dal viadotto sull'A14 all'altezza di Francavilla al Mare, in contrada Vallemerlo, si è lanciato anche lui nel vuoto. Poco prima aveva urlato ai vigili del fuoco di non aprire "quel telone" gonfiabile di salvataggio. La figlia dell'uomo, a quanto si apprende, era deceduta sul colpo dopo aver fatto un volo di una ventina di metri. Si indaga ora per capire se efettivamente sia stato il genitore a spingere la figlia giù dal viadotto dell'A14, di sicuro era con lei sul ponte. Dietro la tragedia ci sarebbe la morte della convivente del 49enne che sarebbe precipitata dal quarto piano di casa sua e poi deceduta dopo il ricovero in ospedale.

19.46 - L'uomo che oggi avrebbe lanciato la figlia di 12-13 anni da un ponte sull'A14, all'altezza di Francavilla al Mare minacciando poi il suicidio, dopo sei ore sospeso in aria e l'intervento di parenti e mediatori, ora starebbe urlando: "Scusa, scusa". Dietro il gesto dell'uomo, che ha 49 anni, ci sarebbe la morte della compagna in seguito a una caduta dal quarto piano della sua abitazione. Finora i soccorritori sono stati bloccati dalle minacce del 49enne di lanciarsi nel vuoto se si fossero avvicinati alla figlia che ha fatto un volo di circa 20 metri.

Francavilla al Mare: lancia la figlia dal viadotto e minaccia suicidio

A Francavilla al Mare, in provincia di Chieti, un uomo ha lanciato dal ponte del viadotto dell'autostrada A14 una bambina, sua figlia, poi ha minacciato di suicidarsi lanciandosi nel vuoto. Sul posto, in una contrada vicina alla A14, sono arrivati i soccorritori, Carabinieri, sanitari del 118 e Vigili del Fuoco. Ancora non si conoscono le condizioni della bambina né le motivazioni del padre.

Dalle prime informazioni sembra che la figlia abbia tra i 13 e i 14 anni e la caduta si sia verificata intorno alle 13:30 di domenica 20 maggio 2018. Nella mattinata dello stesso giorno, la convivente dell'uomo sarebbe caduta dal quarto piano della loro abitazione e sarebbe in condizioni critiche. Padre e figlia hanno scavalcato il parapetto di uno dei ponti della Fondovalle e la bambina è scivolata giù mentre l'uomo è ancora sul posto dove è arrivata Lucia Campo, sostituto procuratore di Chieti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 90 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO