Milano: chiamano la figlia Blu, il Pm li convoca in tribunale

figlio blu

Milano - Chiamano la figlia Blu, ma ora i genitori dovranno cambiarle il nome. È quanto ha deciso il pm della Procura della Repubblica di Milano, che ha convocato la coppia per notificare la necessità di rettifica dell’atto di nascita. Se i genitori naturali si rifiutassero di farlo, in base all’articolo 35 del Dpr 396/2000, sarebbe il giudice a scegliere un nuovo nome per la bimba che oggi ha un anno e mezzo. La norma, infatti, sostiene che "il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso". La notizia è riportata dall’edizione odierna del quotidiano “Il Giorno”.

I genitori di Blu hanno mostrato al quotidiano la lettera di convocazione da parte del tribunale, all’interno della quale si legge:

"Considerato che si tratta di nome moderno legato al termine inglese Blue, ossia il colore Blu, e che non può ritenersi attribuibile in modo inequivoco a persona di sesso femminile l'atto di nascita deve essere rettificato, anteponendo altro nome onomastico femminile che potrà essere indicato dai genitori nel corso del giudizio".

Luca, il papà della piccola, spiega cosa accadrà qualora lui e la moglie non rispondessero alla chiamata del magistrato:

"Se giovedì non ci presenteremo con un'alternativa sarà il giudice a decidere per noi il nome di nostra figlia. Quando ci siamo presentati all'anagrafe per la registrazione ci avevano avvisato che poteva esserci il rischio di venir richiamati, ma ogni anno, secondo i dati Istat, ci sono circa sette Blu, in prevalenza bimbe. Non ci aspettavamo di dover cambiare nome un anno e mezzo dopo, quando ormai anche nostra figlia sa di chiamarsi Blu ed è scritto ovunque".

All’estero il nome Blu è ormai stato “sdoganato”, ma in Italia evidentemente ancora no. Un precedente celebre è rappresentato dal figlio di Zucchero Fornaciari: il cantautore di Roncocesi ha un figlio di nome Adelmo Blue. Se non avesse anteposto un primo nome, anche Zucchero sarebbe potuto incappare in un magistrato puntiglioso. La coppia di Milano, intanto proverà a convincere il giudice che, statistiche alla mano, non c’è più bisogno di anteporre alcun altro nome davanti a Blu. Nel 2016, secondo l’Istat, in Italia erano presenti già 6 bambine con questo nome.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 55 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO