Milano: pensione di reversibilità concessa al partner di fatto

Lo ha deciso la sezione Lavoro della Corte d'Appello.

Ettore Zanola

La sezione Lavoro della Corte d'Appello di Milano ha riconosciuto la pensione di reversibilità a Ettore Zanola, ex insegnante di 79 anni, che per oltre 40 anni è stato compagno dell'architetto Rolando Borsato, di 11 anni più giovane. Quest'ultimo, a causa di un tumore al cervello, se ne è andato prematuramente, nel 2015 e il suo compagno ha iniziato la battaglia per ottenere la pensione di reversibilità e, finalmente, l'ha vinta e ora la cassa di previdenza degli architetti gli dovrà versare gli assegni che gli ha negato finora.

Ettore e Rolando si erano conosciuti nel 1975 a Venezia, 34 anni il primo, 23 il secondo. Quando Borsato si è laureato, si è trasferito a Milano, dove Zanola insegnava in un liceo ed è cominciata la loro convivenza, con la stessa residenza dal 1976. Nel 2012 si erano anche iscritti nel registro delle coppie di fatto di Milano, ma era solo simbolico, perché non era ancora entrata in vigore la legge Cirinnà.

Ettore e Rolando, infatti, non hanno mai potuto fare l'unione civile, anche se avrebbero voluto, anzi, Ettore ha raccontato che a Rolando sarebbe piaciuto il matrimonio vero e proprio. Conoscevano le rispettive famiglie, anche se non dicevano a chiare lettere di essere una coppia, tanto che i parenti di Rolando, dopo la sua morte, hanno detto a Ettore di non saperne nulla anche per una questione di eredità. Sulla pensione, però, ora non potranno dire nulla.

I legali di Ettore, Maria Grazia Sangalli ed Emiliano Ganzarolli, che lo hanno assistito con i loro colleghi dell’Avvocatura per i diritti LGBTI - Rete Lenford, hanno spiegato che questa è la prima volta che la reversibilità è stata riconosciuta al partner di fatto. La Corte di Cassazione ha più volte negato la reversibilità alle coppie eterosessuali perché avevano la possibilità di sposarsi, mentre fino a due anni fa le coppie omosessuali non potevano fare nulla per legittimare la propria unione. Per questo Ettore ha diritto alla pensione di reversibilità di Rolando, perché non hanno avuto la possibilità di fare l'unione civile come avrebbero voluto.

I legali hanno spiegato inoltre:

"Poco prima di morire, l’Arch. Borsato aveva usufruito della pensione di Inarcassa, la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti. Una pensione la cui reversibilità sarebbe dovuta spettare al compagno di una vita, il Prof. Ettore Zanola e che invece Inarcassa si era rifiutata di erogare.
Il ricorso al Tribunale di Milano era stato respinto, poiché secondo i giudici 'la pensione di reversibilità spetta al coniuge superstite in presenza di regolare matrimonio'.
Da qui l’impugnazione dinanzi alla Corte d’Appello di Milano che con provvedimento emesso il 24 maggio ha dato ragione al Prof. Zanola, assistito dagli avvocati di Rete Lenford - Avvocatura per i diritti LGBTI, condannando Inarcassa 'al pagamento del trattamento pensionistico di reversibilità, inclusi i ratei arretrati'"

Foto © Avvocatura per i diritti LGBTI - Rete Lenford

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO