Procura di Pescara: Regione Abruzzo determinò totale isolamento Hotel Rigopiano

regione abruzzo isolamento hotel-rigopiano.jpg

Fu la Regione Abruzzo a determinare "le condizioni per il totale isolamento dell'Hotel Rigopiano". Così secondo i pm della procura di Pescara che contestano agli indagati - tra cui il presidente della Regione Luciano D'Alfonso, il sottosegretario regionale alla Protezione civile e il responsabile regionale della Sala operativa della Protezione civile - imperizia, imprudenza e violazioni di leggi e regolamenti regionali.

Il 18 gennaio 2017 l'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) fu travolto da una valanga che provocò la morte di 29 persone. Gli indagati "attivarono tardivamente" il Comitato emergenze secondo gli inquirenti pescaresi, giunti a questa conclusione in una delle tranche dell’inchiesta, relativa alla mancata realizzazione della Carta di localizzazione dei pericoli da valanga. Carta prevista dalla legge regionale 47/1992 in tema di "Norme per la previsione e la prevenzione dei rischi da valanghe".

Secondo i pm la Carta valanghe "laddove emanata, avrebbe di necessità individuato nella località di Rigopiano un sito esposto a tale pericolo (sia per obiettive evidenti ragioni morfologiche e ambientali sia per documentate vicende storiche)". Gli indagati, sostiene la pubblica accusa, avrebbero "omesso di intervenire presso i funzionari responsabili del Servizio di Protezione civile, sollecitando tempestivamente l'attuazione e l'esecuzione degli obblighi di legge".

Non emanare la Carta "ha fatto sì che le opere già realizzate dell'Hotel Rigopiano non siano state segnalate dal sindaco" al Comitato tecnico regionale per lo studio della neve e valanghe. Informazioni che sempre secondo la procura: "avrebbero determinato, ad opera del Comitato, l'immediata sospensione di ogni utilizzo, in stagione invernale, dell'albergo, fino alla realizzazione di idonei interventi di difesa anti valanghe nonché un valido piano di bonifica preventiva degli accumuli nevosi con procedure di distacco controllato".

Al momento della valanga nell'Hotel Rigopiano c'erano 40 persone, 28 ospiti e 12 dipendenti. 11 i superstiti. Tra loro i quattro bambini presenti nella struttura in quel tragico pomeriggio.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO