Bari, tossicodipendente non paga: i pusher lo lanciano dalla finestra

morto per sedare ucciso boss villapiana carabinier

Tre persone sono state arrestate dai carabinieri di Casamassima, comune in provincia di Bari, con le accuse di spaccio, tentata estorsione e lesioni personali aggravate. Lo scorso primo di maggio un uomo di Casamassima è finito in ospedale dopo essere volato giù dalla finestra posta al primo piano nella rampa delle scale della sua abitazione. La dinamica è parsa strana agli inquirenti, che hanno subito sospettato che qualcuno l'avesse spinto con forza fuori dalla finestra.

Nel corso delle indagini è emerso che a lanciarlo giù dalla finestra erano stati tre uomini: G.D., 32 anni, D.D.M., 53, e V.A., 20. I tre da oltre un anno vendevano cocaina alla vittima, che non riusciva più a rispettare i pagamenti. Prima l'hanno minacciato e poi sono passati alle vie di fatto, pretendendo di ricevere 2000 euro in pagamento, cifra comunque superiore al debito accumulato dal tossicodipendente. Con la loro condotta i 3 arrestati hanno attentato alla sua vita; la vittima ha riportato lesioni guaribili in 40 giorni solo grazie alla presenza di una pensilina in policarbonato posta sotto la finestra, che ha attutito la sua caduta.

Quando il Gip ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere due dei tre responsabili erano già detenuti presso la Casa Circondariale di Bari per aver commesso altri reati.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO