Pedopornografia: rinviato a giudizio monsignor Carlo Alberto Capella

capella pedopornografia

Monsignor Carlo Alberto Capella, ex funzionario della nunziatura di Washington è stato rinviato a giudizio per pedopornografia. L’ex funzionario della nunziatura di Washington è stato arrestato lo scorso 7 aprile dopo la scoperta di una grande quantità di materiale pedopornografico in suo possesso. Il funzionario ecclesiastico sarà in aula per la prima udienza il prossimo venerdì 22 giugno alle ore 15. Lo comunica la Sala stampa vaticana, che sottolinea come lo scorso 30 maggio, il promotore di giustizia ha ritenuto sufficienti le prove acquisite, chiedendo così che il giudice istruttore disponesse il rinvio a giudizio.

II giudice istruttore - prosegue la nota - , ha dichiarato chiusa l’istruzione formale e rinviato il monsignor Capella, ritenuta la giurisdizione dell'Autorità giudiziaria vaticana, perché nonostante il reato sia avvenuto all’estero, è stato commesso da un pubblico ufficiale.

All’alto prelato viene contestato il reato di pedopornografia - detenzione e scambio di materiale con l’aggravante dell’ingente quantità - nelle fattispecie previste dagli articoli 10 e 11 della legge n. VIII del 2013. Inoltre, sul suo capo pendeva anche un mandato di arresto da parte delle autorità canadesi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 30 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO