Mafia: 19 arresti a Catania, colpo al clan Laudani. Il boss comandava dal carcere

arrestai mafia paternò

Sono 19 gli arresti eseguiti oggi a Paternò, in provincia di Catania, per mafia. I carabinieri del comando provinciale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di presunti boss e gregari del gruppo di Paternò del clan mafioso Laudani.

Le accuse avanzate dai pm della Direzione distrettuale antimafia locale sono di associazione mafiosa, rapina, traffico e spaccio di droga, porto e detenzione di armi. Il clan di Paternò è considerato uno dei più ramificati e agguerriti gruppi mafiosi della provincia di Catania.

Il ritenuto capo clan, secondo i carabinieri, nonostante fosse in carcere continuava tranquillamente a dirigere l’organizzazione, dando ordini e direttive durante le visite di parenti e fedelissimi: moglie, suocero e il nipote di un affiliato detenuto con lui.

Le indagini contro la cosca Laudani di Paternò sono state eseguite dai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Catania che avrebbero ricostruito affari e organigramma dal clan mafioso, in grado di ritagliarsi una importante autonomia criminale rispetto a Cosa Nostra catanese, senza dimenticare i passati rapporti di alleanza nelle faide di mafia degli anni ’80 e ’90.

Il gruppo mafioso di Paternò ha secondo gli inquirenti legami criminali anche con clan di ‘ndrangheta reggini.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO