Ballottaggi, spari tra la folla ad un comizio nel napoletano

È successo a Qualiano, dove i carabinieri stanno indagando per compravendita di voti

Piazza Rosselli (Qualiano)

Ieri un comizio elettorale a Qualiano, nel napoletano, è stato interrotto da due uomini a bordo di uno scooter che hanno esploso colpi d'arma da fuoco tra la folla. I fatti sono avvenuti in Piazza Rosselli dove erano presenti molte persone per ascoltare le parole di Raffaele De Leonardis, candidato sostenuto dal centrodestra e da alcune liste civiche. Nel primo turno la coalizione di De Leonardis ha ottenuto il 47,1% dei voti, arrivando davanti alla coalizione di centrosinistra (42%) che sostiene il sindaco uscente Ludovico De Luca.

In Piazza Rosselli sono stati esplosi almeno 10 colpi di arma da fuoco, sotto gli occhi di un centinaio di persone. I carabinieri stanno indagando per riuscire ad individuare il movente e i responsabili di questa azione criminale che, solo fortunatamente, non ha portato al ferimento di nessuno dei presenti.

I due candidati a sindaco si sfideranno domani nel ballottaggio in un clima surreale. Nel giorno del voto del primo turno, infatti, i carabinieri hanno scoperto e denunciato 7 persone con la pesante accusa di compravendita di voti. Un candidato consigliere comunale venne sorpreso mentre consegnava dei buoni da 10 euro validi per una consumazione in un bar della zona.

Un 37enne, invece, è stato scoperto mentre consegnava 50 euro ad una 18enne ed un 22enne, mentre un altro 22enne poco prima si era accontentato di 30 euro. Nei cellulari dei 3 i carabinieri hanno trovato la foto del voto espresso in favore di chi era stato loro indicato. Fuori dalla casa dove avveniva la compravendita di voti c'erano anche 3 "vedette", allo stesso modo denunciate. Il materiale elettorale che aveva con sé il pregiudicato era relativo ad un candidato del centrosinistra.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO