Napoli, terrorismo: fermato gambiano legato all'Isis

Il fermato si chiama Sillah Ousmane: progettava attentati in Spagna e Francia

Un gambiano di 34 anni, Sillah Housman, è stato arrestato oggi in provincia di Napoli, nell'ambito di un'operazione antiterrorismo condotta in collaborazione da Carabinieri e Polizia. Dalle indagini è emerso che il soggetto aveva dei collegamenti con l'Isis. Secondo gli elementi in possesso delle forze dell'ordine, l'uomo stava pianificando un attentato terroristico da compiere in Spagna o in Francia. Il suo arresto è legato a quello di un altro cittadino gambiano, Alagie Touray, un 21enne che la polizia ha arrestato nel mese di aprile in un centro di accoglienza di Licola.

Il procuratore Giovanni Melillo ha riferito che Sillah Housman ha preso parte ad un duro addestramento in una zona desertica della Libia insieme al suo connazionale ed era quindi un soggetto potenzialmente molto pericoloso: "Insieme all'altro gambiano preso lo scorso 20 aprile davanti ad una moschea a Licola, nel napoletano, ha sostenuto un duro addestramento durato due mesi in Libia durante il quale ha sviluppato tecniche terroristiche, capacità nell'uso delle armi, resistenza alla fame, alla sete e alla paura, in un contesto particolarmente difficile qual è il deserto libico. L'addestramento è stato spesso interrotto dalle incursioni militari degli eserciti anti-Isis".

L'uomo era tenuto sotto controllo e l'allarme è scattato quando, nel corso di una telefonata alla moglie che si trova in Gambia, si è definito "un soldato di Dio" e di "sentire la voce di Allah".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 19 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO