Giugliano (NA), false prove contro un uomo: arrestati tre carabinieri

Carabinieri

Arresto e immediata sospensione dall'Arma per tre carabinieri in servizio presso la compagnia di Giugliano in Campania, alle porte di Napoli, accusati di aver piantato delle false prove per poter arrestare un uomo, un extracomunitario di cui non è stata resa nota l'identità, e accusarlo di essere coinvolto in attività terroristiche e venir così elogiati dall'Arma.

Le cose non sono andate come pianificato e i tre uomini - due sottufficiali e un appuntato - sono ora accusati di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine. Avrebbero, secondo quanto ricostruito, avrebbero arrestato l'uomo e gli avrebbero messo in casa una pistola non regolarmente registrata, così da poter configurare l'accusa di detenzione di armi clandestine per finalità di terrorismo internazionale.

Le delicate indagini dalle Guardia di Finanza di Acerra, coordinate dalla Procura di Napoli Nord, ha permesso di accertare l'innocenza dell'arrestato e il coinvolgimento dei tre agenti corrotti, prontamente arrestati e condotti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Il procuratore aggiunto Domenico Airoma, nel commentare il risultato di questa operazione, ha precisato che "le articolate attività di indagine hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei destinatari della misura cautelare".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO