Terrorismo, arrestato a Potenza un 29enne macedone

Si addestrava per fare la Jihad: i carabinieri del Ros lo hanno arrestato

http-media-s3-blogosfere-it-cronacaeattualita-8-810-isis-iraq-bandiera.jpg

I carabinieri del Ros questa mattina hanno messo le manette ai polsi ad Agim Miftarov, un cittadino macedone di 29 anni che da tempo risiede in Italia. I carabinieri lo tenevano sotto controllo dal lontano 2009, quando l'uomo aveva iniziato un'intensa attività di ricerca online informandosi sull'uso e sulla fabbricazione di armi. Miftarov risiedeva a Tolfa, in provincia di Viterbo, lavorando come boscaiolo. Non aveva una vita sociale e cercava in tutti i modi di tenersi lontano dalle forze dell'ordine, al punto anche da decidere di non recarsi in ospedale dopo un incidente sul lavoro.

L'indagato prima dell'arresto si trovava a Palazzo San Gervasio (Potenza), ospite di un Centro di Permanenza per il Rimpatrio dove era stato condotto lo scorso 27 di aprile. In quella data l'uomo venne sottoposto ad una perquisizione domiciliare nella sua casa di Tolfa. Come già detto l'uomo era tenuto sotto controllo e i carabinieri decisero di intervenire avendo il forte sospetto che l'uomo si stesse "auto-addestrando in vista di eventuali future iniziative terroristiche, eventualmente anche in aree di crisi come la Siria". In rete aveva visionato diversi video di droni (che aveva anche acquistato) modificati per diventare un arma, ma anche tutorial per la fabbricazione di armi bianche "nonché sulla realizzazione di dispositivi atti ad offendere (Taser) ricavati modificando oggetti di uso comune". Era anche molto attivo sui social network, dove aveva circa 4mila contatti con soggetti legati all'estremismo islamico. Sempre in rete aveva anche tentato di acquistare armi.

Nell'ordinanza di custodia cautelare, firmata dal gip Anna Maria Gavoni, viene tracciato il profilo di un uomo estremamente pericoloso: "La gravità ed attualità dei fatti fa ritenere imminente e concreto il pericolo che dalle condotte dell'indagato scaturissero reati ancora più gravi quale quello di porre in essere un attentato attesa l'azione di auto addestramento compiuto... risultano granitici elementi che dimostrano l'adesione alla ideologia di organizzazione terroristiche estremistiche islamiste... esistono corposi elementi specifici che attestano la sussistenza di esigenze cautelari da imporre l'adozione della misura detentiva".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO