Udine, strangolò la fidanzata che "voleva lasciarlo": condannato a 30 anni

L'uomo aveva confessato: "Era troppo disinibita, volevo lasciarmi... Ho perso la testa e le ho messo le mani al collo, premendo sempre più forte"

francesco mazzega condannato omicidio fidanzata udine

Trent'anni di carcere per Francesco Mazzega. A circa un anno di distanza dai fatti, arriva la condanna per il 36enne che il 31 luglio 2017 ha ucciso, strangolandola, la fidanzata Nadia Orlando, più giovane di lui di 15 anni e residente a Dignano in provincia di Udine.

"Era troppo disinibita, voleva lasciarmi" aveva detto Mazzega agli investigatori confessando l'omicidio. L'uomo, di Spilimbergo (Pordenone) aveva ammesso di aver strangolato la fidanzata:

"Per dileggiarmi mi ha confessato perfino un tradimento. Ho perso la testa e le ho messo le mani al collo, premendo sempre più forte... In cuor mio ho sperato che non fosse realmente accaduto, ogni tanto, mentre guidavo, le toccavo il braccio e sembrava caldo. Solo quando mi hanno detto che era morta davvero ho colto l'enormità di quanto avevo fatto"

Prima di recarsi dalla polizia e raccontare l'accaduto, il 36enne aveva vagato per tutta la notte con il cadavere di Nadia nella sua auto. La condanna per Francesco Mazzega, con l'aggravante dei futili motivi, è stata decisa dal gup del tribunale di Udine che non ha concesso le attenuanti generiche al termine del processo celebrato con rito abbreviato.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO