Gli affari della 'ndrangheta nei parchi eolici: 13 arresti

arresti ndrangheta eolico

Le mani sporche della 'ndrangheta sull'energia pulita dell'eolico. Blitz dei carabinieri di Reggio Calabria che hanno eseguito oggi 13 arresti nei confronti di altrettanti soggetti, tra presunti uomini delle cosche e imprenditori.

Le accuse mosse a vario titolo agli arrestati sono di associazione mafiosa, estorsione, illecita concorrenza con violenza o minaccia e danneggiamento, reati aggravati dal metodo o dalle finalità mafiose. Contestata ad alcuni indagati anche l'induzione indebita a dare o promettere utilità.

Secondo le indagini coordinate dagli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia reggina (Dda) c'è stata una sistematica infiltrazione dei clan di 'ndrangheta nei lavori per la realizzazione di parchi eolici nelle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Vibo Valentia e Crotone.

I carabinieri avrebbero ricostruito il racket delle estorsioni ai danni delle aziende committenti dei lavori e la complicità di imprese colluse con i clan di 'ndrangheta egemoni nelle diverse province in cui sono stati realizzati i parchi eolici.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO