Palermo, sequestrata nave con 20 tonnellate di hashish. Arrestati 11 montenegrini

La droga era nascosta nella nafta. Il valore stimato del carico è tra i 150 e i 200 milioni di euro.

Remus sequestrata

I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, in collaborazione con il gruppo aeronavale di Messina e il servizio centrale investigazione criminalità organizzata, hanno sequestrato la nave Remus, battente bandiera di Panama, perché carica di droga.

L'imbarcazione è ora al porto di Palermo e un carico di ben 20 tonnellate di hashish è stato trovato nei suoi locali riservati alle scorte di carburante: la droga era nascosta in 650 sacchi di iuta sommersi dalla nafta, catalogati con lettere e numeri per distinguere 13 diverse qualità di sostanze stupefacenti. Nonostante questo ottimo nascondiglio, è stata trovata dai finanziari, che hanno sequestrato anche 400mila litri di gasolio.

Undici persone, ossia tutto l'equipaggio, sono state arrestate con l'accusa di traffico internazionale di droga e sono tutte originarie del Montenegro. La notizia è stata diffusa oggi, ma i controlli sono durati ben sei giorni. La Remus è una nave olandese di 47 metri, costruita nel 1997 e la cui proprietà è di Riga, in Lettonia, ma con bandiera panamense ed è un "research vessel" che offre soccorso alle navi che hanno bisogno di rifornimento in mare.

Per svuotare i locali in cui si trovava la nafta è stato richiesto anche l'intervento dei vigili del fuoco e ci sono volute 14 ore. La nave arrivava da Las Palmas, in Spagna, è stata ad Augusta ed era diretta a Palermo per una sosta, quando è stata intercettata dalla Guardia di Finanza. La destinazione era Tezla in Turchia, via Alexadria (Egitto), e ora occorre capire se era quella anche la meta della droga.

Questa operazione è il risultato di un attento lavoro di intelligence e di studio delle rotte seguite dalla Remus che, quando navigava nelle acque internazionali antistanti le coste nord africane ha spento più volte il proprio trasmettitore AIS (Automatic Identification System) per nascondere la propria posizione e i propri spostamenti, ma in questo modo ha generato sospetti, visto che i Paesi nordafricani sono stati più volte protagonisti nel traffico internazionale di stupefacenti.

La Remus è stata poi abbordata in acque internazionali e il comportamento dell'equipaggio ha acuito i sospetti, perché né il comandante né i suoi sottoposti sapevano dare spiegazioni circa i loro spostamenti in mare. La nave è stata così scortata al porto di Palermo dove i finanzieri hanno svolto la perquisizione sotto il costante monitoraggio dei medici dell'ASP di Palermo, data la difficoltà a eseguire le operazioni a causa delle esalazioni di nafta.

Il Mediterraneo è uno dei bacini mondiali maggiormente coinvolti nel traffico internazionale di droga, tanto che negli ultimi quattro anni la Finanzia ha sequestrato quasi 140 tonnellate di stupefacenti per un valore di oltre 1,4 miliardi di euro. La droga sequestrata sulla Remus vale tra i 150 e i 200 milioni.

Ecco qui la scheda con i dati della Remus da VesselFinder.com

Remus

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 37 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO