Brescia, batterio uccide neonato in ospedale: indagati i medici del reparto

La Procura di Brescia ha aperto un'inchiesta. Indagata l'intera equipe medica.

neonato ospedale

13 agosto 2018 - L'intera equipe medica del reparto di terapia intensiva neonatale dell'Ospedale Civico di Brescia è stata iscritta nel registro degli indagati in relazione alla morte del neonato, deceduto pochi giorni dopo la nascita a causa del batterio Serratia marcescens contratto proprio durante il ricovero in ospedale.

Si tratta, come accade sempre in questi casi, di un atto dovuto per permettere ai medici del reparto di nominare un consulente che potrà assistere all'autopsia sul corpo del bimbo, già disposta e in programma per la giornata di domani.

Intanto le condizioni degli altri bambini infetti sarebbero migliorate e i nuovi test per verificare la presenza del batterio all'interno del reparto avrebbero dato esito negativo.

Brescia, batterio uccide neonato in ospedale: contagiati altri 7 neonati

Un bimbo nato da pochi giorni è deceduto all'ospedale Civile di Brescia a causa del batterio Serratia marcescens, contratto mentre il piccolo era ricoverato nella struttura insieme al gemello dopo esser nato con qualche settimana di anticipo e, quindi, con le difese immunitaria non ancora del tutto sviluppate.

L'infezione era stata accertata lo scorso 20 luglio e nel giro di pochi giorni il piccolo è deceduto nonostante tutti i tentativi dei medici di salvargli la vita. Il Serratia marcescens, generalmente contratto in ambito ospedaliero, avrebbe colpito anche altri sette neonati ricoverati nel reparto di patologia neonatale dello stesso ospedale, compreso anche il gemello del bimbo deceduto.

I 7 neonati non avrebbero mostrato i sintomi dell'infezione e le loro condizioni di salute sono giudicate stabili dalla struttura ospedaliera.

Il Giornale di Brescia precisa che i Nas hanno già ispezionato l'intero reparto e acquisito tutta la documentazione necessaria per fare chiarezza sull'accaduto, mentre la Procura di Brescia ha già aperto un fascicolo contro ignoti, non iscrivendo nessuno nel registro degli indagati in attesa di avere in mano maggiori informazioni.

Vota l'articolo:
4.03 su 5.00 basato su 36 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO