Spose troppo scollate: il parroco vuole tassarle

sposa scollata

Don Cristiano Bobbo, parroco di Mira (Venezia) lancia una crociata contro le spose che si presentano all’altare troppo scollate. Una “moda” che sta prendendo piede sempre di più negli ultimi tempi, tanto da spingere il sacerdote a scrivere ai suoi parrocchiani, prospettando loro anche l’eventualità di pagare una tassa che sarà direttamente proporzionale alla “volgarità” del vestito. Per farla breve: più sarà svestita la sposa, più alta sarà la tassa da pagare.

La provocazione nella provocazione è stata pubblicata nel notiziario della parrocchia, in cui don Cristiano racconta la storia dei quel paese nel quale il parroco riceveva un’offerta per i matrimoni proporzionata alla bellezza della sposa. "Fatte le debite proporzioni - scrive ancora il parroco - la potremmo adottare anche noi sacerdoti istituendo una sorta di offerta da riscuotere in proporzione alla decenza dell'abito della sposa che molto spesso si presenta sguaiato e volgare, inadatto alla circostanza. Così, chi più si presenta svestita, più paga".

Le spose provocanti all’altare, insomma, possono essere tassate proporzionalmente al loro grado di provocazione, ma la cosa non sembra essere piaciuta più di tanto ai parrocchiani, come riferisce il ‘Gazzettino’. Il quotidiano ha così raggiunto don Cristiano, che in merito alla vicenda ha commentato: "È stata solo una provocazione scherzosa che, come molte altre riflessioni, nasce da fatti che accadono spesso nella vita di parrocchia. In questo caso è stata suscitata dalla considerazione che le nozze spesso sono considerate più un evento che una scelta maturata e condivisa. Certi dettagli - conclude - non vanno sottovalutati".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO