Rapallo: 8000 video pedopornografici sul pc, arrestato operaio

La scoperta sul Deep Web, l'arrestato è un 40enne, già violentatore seriale di escort

arrestato pedofilo Rapallo polizia postale di Genova.

Nascondeva sul suo computer 8000 file pedopornografici l’operaio 40enne di Rapallo arrestato nelle scorse ore dalla polizia postale di Genova. Molti video e foto erano ordinati per età delle bambine, filmati in cui erano presenti anche infanti e che non di rado mostravano scene di particolare violenza.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, per tentata rapina e violenza sessuale, era attenzionato dalla polizia da tempo, perché ritenuto un soggetto a rischio. Ottenuto dal magistrato un mandato di perquisizione, gli investigatori si sono recati in casa dell’operaio scoprendo una mole di materiale pedopornografico che forse loro stessi non si aspettavano.

La scoperta sul Deep Web

Descritto come un accumulatore compulsivo di materiale pedopornografico, l'operaio edile di Rapallo finito agli arresti aveva già rimediato una condanna a quattro anni per violenza sessuale su alcune escort e su una minorenne. L’uomo, secondo l’accusa, sfruttava i social per abbordare le sue prede che poi portava in luoghi isolati sulla alture di Genova: qui dopo averle violentate le rapinava.

Anche questa volta l'operaio è stato arrestato dopo che la polizia postale ha monitorato le sue azioni sui social ma anche sul Deep web, la rete internet "invisibile", "sommersa", che usava per reperire e condividere video di violenze su bambini e immagini di torture e sevizie su donne.

Cos’è il Deep web e differenza con il Dark web

Il Deep Web è in estrema sintesi l’insieme dei contenuti presenti sul web e non indicizzati dai classici e più diffusi motori di ricerca, Google in testa, a differenza del Surface web. Il Deep web, secondo il parere di esperti, rappresenterebbe più del 95% dei contenuti presenti del World Wide Web.

Per Dark web si intende invece l’insieme di contenuti provenienti da siti web che hanno un IP nascosto ma che sono accessibili pubblicamente, una volta conosciuto tale l’indirizzo. Al Dark web appartengono anche le Darknet nelle quali contenuti privati vengono scambiati tra utenti all’interno di una rete chiusa di computer.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO