Villette Casamonica: tentano di forzare l'area di demolizione, agenti aggrediti

Un gruppo di persone ha provato a forzare l'area della demolizione delle villette dei Casamonica, otto costruzioni abusive in via del Quadraro, fortino del clan, a Roma. Due giorni fa il blitz che aveva sgomberato le abitazioni, poi le ruspe si erano messe al lavoro per la demolizione sotto gli occhi minacciosi degli sgomberati.

Cosa è successo

Spiega la polizia di Roma Capitale che oggi pomeriggio una ventina di persone ha cercato di forzare l'area di sicurezza spintonando e aggredendo degli agenti, alcuni dei quali sono caduti a terra.

Il pretesto per i disordini sarebbe stato l'accensione di fuochi davanti all'area di sicurezza: gli agenti hanno spiegato che non era possibile e da lì sono partiti insulti e spintoni ai loro danni. Gli sgomberati hanno organizzato anche blocchi stradali con le loro auto nelle strade limitrofe all'area delle villette abusive.

La prossima demolizione alla Romanina

In questo quadro, lunedì prossimo si replica: giorno 26 novembre sarà abbattuta una villa dei Casamomica alla Romanina alla presenza del ministro dell'Interno Matteo Salvini, come annunciato dal governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Al posto della villa verrà costruito un parco pubblico.

L'avvocato: "ingiunzione prescritta"

Ad ogni modo il legale di alcuni degli sgomberati spiega che dopo "un'attenta analisi" ha "formalizzato un incidente di esecuzione contro l'ingiunzione di demolizione dell'abitazione dei miei assistiti. Dalle mie verifiche emerge che il reato di abuso edilizio su cui si basa l'ingiunzione di demolizione è ormai prescritto" ha detto l'avvocato Tiziano Gizzi.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO