Bergamo, pensionato scopre di essere malato e si improvvisa spacciatore

"Il denaro guadagnato con la vendita della cocaina sarebbe servito anche a pagare le spese del mio funerale"

cocaina

Da pensionato con diagnosi di una malattia potenzialmente letale a spacciatore di cocaina il passo è stato breve per un 61enne di Rovetta, in provincia di Bergamo, arrestato nella giornata di domenica e processato ieri per direttissima dopo una soffiata che ha permesso agli inquirenti di scoprire il giro in cui era finito.

I parallelismi con le vicende raccontate dalla serie televisiva Breaking Bad hanno contribuito a far emergere la storia del 61enne incensurato che dopo la diagnosi di un tumore - da cui poi è guarito - aveva deciso di improvvisarsi spacciatore per poter lasciare alla famiglia qualche soldo e, stando a quanto da lui dichiarato alle autorità, per potersi pagare il funerale.

Al contrario di quanto accaduto a Walter White, protagonista della serie, la carriera criminale del 61enne è durata una manciata di settimane, stroncata sul nascere da un anonimo che ha indirizzato le autorità italiane verso il pensionato.

L'arresto è scattato domenica e a seguito di una perquisizione in casa dell'uomo sono stati rinvenuti 15 grammi di cocaina e 1.800 euro in contanti, frutto della vendita della droga.

In aula il 61enne, ora guarito dal tumore, si è giustificato così:

Ho iniziato a spacciare perché, dopo che mi era stata diagnosticata una brutta malattia, temevo di morire e non volevo lasciare i miei parenti senza soldi. Il denaro guadagnato con la vendita della cocaina sarebbe servito anche a pagare le spese del mio funerale.

L'uomo è stato rimesso in libertà in attesa della sentenza che arriverà il 18 gennaio prossimo.

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO