Neve in Italia: Matera imbiancata, bufera in Sicilia (foto e video)

La Coldiretti ha mobilitato i trattori per pulire le strade.

Questa mattina gran parte dell'Italia si è svegliata con il freddo e il gelo, in molti casi è arrivata la neve, in altri arriverà nelle prossime ore. Il paesaggio imbiancato più suggestivo è certamente quello di Matera, la città Capitale Europea della Cultura 2019, che si presenta come una bella cartolina con i suoi sassi coperti di neve. Ma oltre alla neve c'è anche il ghiaccio e la temperatura è sotto lo zero.

In tutta la Basilicata la Polstrada ha consigliato di mettersi in viaggio solo se è strettamente necessario e comunque di tenersi costantemente informati sulle condizioni della viabilità e del meteo. I problemi principali si sono visti sulla SS7 Appia, che porta da Potenza a Matera.

Anche nelle altre regioni ci sono problemi di viabilità. In Molise stanotte è caduto già un metro di neve e sulle strade della Provincia di Campobasso è stata vietata la circolazione ai veicoli commerciali con massa superiore a 7,5 tonnellate a pieno carico.

In Puglia sono state soppresse alcune corse degli autobus, in Abruzzo sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco di Lanciano per rimuovere alberi e segnaletica stradale pericolanti, mentre addirittura in Sicilia c'è stata una vera e propria bufera di neve, che potete vedere più in basso in questo stesso post.

È ovvio che le preoccupazioni siano tante, soprattutto perché il Sud non è abituato ad affrontare situazioni di questo genere. C'è il timore di restare senza beni di prima necessità e lì dove c'è il vento forte si temono danni e interruzioni alle comunicazioni che potrebbero lasciare alcune case isolate, soprattutto quelle nelle zone montane.

Proprio per ovviare ad alcuni di questi problemi, Coldiretti ha mobilitato i trattori dei suoi agricoltori, usati come spazzaneve per pulire le strade e per distribuire sale contro il gelo. Ma i guai per gli agricoltori e anche per gli allenatori sono altri. Infatti il calo repentino delle temperature, dai 10 fino addirittura ai 15 gradi, rischiano di provocare danni che si faranno sentire per tutto il resto dell'anno, come è già avvenuto nel recentissimo passato. Coldiretti infatti scrive:

"Il forte e repentino abbassamento della temperatura con l’arrivo del gelo artico colpisce verdure e ortaggi coltivati all’aperto ma a preoccupare e anche la situazione negli allevamenti dove gli animali sono impreparati al grande freddo. Nelle campagne con temperature sotto lo zero sono a rischio le coltivazioni invernali come cavoli, verze, cicorie e broccoli ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra"

Molti agricoltori devono ancora rientrare dai danni subiti negli ultimi due anni:

"Il conto per l’agricoltura potrebbe salire in misura esponenziale perché con le temperature di molti gradi al di sotto dello zero per più giorni rischiano di essere compromesse anche le piante, dagli agrumi agli ulivi già decimati a causa dell’ondata di gelo di Burian lo scorso anno. Siamo di fronte all’ennesima anomalia dopo un 2018 segnato da un andamento climatico estremo con caldo, siccità alternati a violenti temporali e gelo che hanno causato danni di oltre un miliardo e mezzo all’agricoltura"

Bufera di neve in Sicilia: video


In questo video pubblicato da Meteo.it e girato da Dario Librizzi Petralia Soprana (provincia di Palermo), si vede la bufera di neve che ha imperversato questa mattina nella zona.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO