Notre-Dame: lo studio di un italiano aveva lanciato l'allarme, i francesi lo hanno ignorato

notre-dame allarme italiano ignorato

Dall’Italia era giunto un grido d’allarme per la cattedrale di Notre-Dame, ma i francesi lo hanno ignorato. A causare il rogo che ha seriamente danneggiato uno dei simboli storici della Francia, infatti, potrebbe essere stata la polvere stratificata nei secoli sulle travi del tetto. Sulla questione aveva condotto uno studio un professore italiano, che però il Consiglio nazionale di ricerca francese non ha preso in considerazione. A riferirlo è il Sole 24 Ore, quotidiano che parla oggi dello studio "Cathédrale durable", redatto nel 2016 dal professor Paolo Vannucci, originario di Lucca e docente di meccanica all'università di Versailles.

Ebbene, dallo studio emerge che sull’antico legno che costituiva la struttura portante del tetto di Notre-Dame era presenta una polvere stratificatasi nei secoli e altamente infiammabile. Ad innescare l’incendio, dunque, potrebbe essere stata anche una scintilla o un corto circuito per via della presenza di cavi dell’allarme presente sui ponteggi del cantiere di ristrutturazione. Lo studio di Vannucci era stato consegnato al Cnrs, il Consiglio nazionale di ricerca francese, che però lo ha ignorato. Il professor Paolo Maria Mariano, collega dell’autore dello studio, ammette che invece i francesi avrebbero fatto bene a leggerlo e prendere le dovute cautele.

"Nel tetto di Notre-Dame - dichiara al quotidiano di Confindustria - , struttura estremamente moderna per concezione nonostante alcuni dei suoi legni appartengano a querce tagliate all’epoca di Carlo Magno, l'alta concentrazione di polveri ha un notevole effetto deflagrante e qualsiasi tensione elettrica può scatenare un incendio".

Per scongiurare guai, dunque, nel suo studio il prof Vannucci suggeriva di sostituire il sistema antincendio esistente con uno di nuova generazione, ma soprattutto in grado di fare fronte ad un’emergenza di un certo tipo. Secondo indiscrezioni, tra l’altro, Vannucci avrebbe già scritto al presidente Macron, proprio per fargli sapere che il suo studio era in mano al Cnrs, che lo aveva però secretato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO