Notre Dame, la Procura esclude l'atto doloso. Macron: "La ricostruiremo in 5 anni" - FOTO

Le fiamme che tra ieri sera e questa notte hanno devastato la cattedrale di Notre Dame di Parigi sono state spente dopo 15 ore di duro lavoro e oggi la Francia sta già facendo i conti con le conseguenze di quella tragedia.

Se da un lato le forze dell'ordine stanno indagando senza sosta per ricostruire la dinamica dell'accaduto ed identificare eventuali responsabilità - la Procura di Parigi ha aperto un'inchiesta per danneggiamento colposo - dall'altro si deve inevitabilmente iniziare subito a pensare alla ricostruzione di quello che è da sempre uno dei simboli di Parigi e dell'intera Francia.

Il presidente francese Emmanuel Macron aveva già parlato di ricostruzione mentre le fiamme non erano ancora state domate e in queste ore una serie di aziende, imprenditori e milionari hanno già promesso di donare ingenti somme per ricostruzione la cattedrale per un totale di almeno 600 milioni di euro.

E questo è soltanto l'inizio. Donald Tusk, presidente del Consiglio Europeo, ha invitato tutti i Paesi dell'UE a farsi avanti e offrire il proprio aiuto alla Francia. Qualcosa si sta muovendo anche dall'Italia: Dario Bond, deputato di Forza Italia, scriverà presto all'ambasciatore di Francia in Italia per offrire il legno delle foreste della provincia di Belluno, devastate dal maltempo pochi mesi fa:

Le foreste secolari della provincia di Belluno che sono state colpite duramente da un'ondata di maltempo devastante, possono essere utili per la ricostruzione di Notre-Dame. L'ambasciatore francese in Italia, Christian Masset, consideri la disponibilità di questa terra così martoriata. Da due tragedie così imponenti è possibile comunque trarre la forza di voltare pagina e di porre parziale rimedio a entrambe le sciagure.

Quello che è certo, al momento, è che per cancellare i danni provocati dall'incendio e riportare la cattedrale di Notre Dame al suo splendore saranno necessari diversi anni. Franck Riester, Ministro della Cultura francese, ha sottolineato alla stampa locale che non è ancora possibile fare una stima delle tempistiche, ma è lecito ipotizzare che non sarà un lavoro di pochi mesi. Emmanuel Macron, in serata, si è voluto invece sbilanciare sulle tempistiche, annunciando al Mondo l'impegno a restaurare la cattedrale entro i prossimi 5 anni:

Ricostruiremo Notre-Dame entro 5 anni, ancora più bella. Ce la possiamo fare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO