Milano: ragazzo disabile picchiato per uno sguardo di troppo

ragazzo disabile picchiato

Un 16enne con disabilità cognitive è stato pestato selvaggiamente da un 20enne con precedenti per lesioni. La vittima ha riportato una prognosi di 50 giorni per via di una frattura scomposta della mandibola, mentre l’autore del pestaggio è stato arrestato dai carabinieri. Secondo la prima ricostruzione, il ragazzo disabile si sarebbe reso “colpevole” di uno sguardo sbagliato nel parco Nord di Milano nei confronti del gruppo di cui faceva parte il 20enne.

Il comandante della compagnia di Milano Porta Monforte, Silvio Maria Ponzio, sottolinea che "il presunto movente di questa brutale aggressione sarebbe uno sguardo 'sbagliato' da parte del 16enne al gruppo del maggiorenne". Il minore affetto da disabilità cognitive "era seduto su una panchina ad ascoltare la musica con le cuffiette e ha rivolto uno sguardo distratto al gruppo soltanto perché gli altri ragazzi stavano ballando". Da lì è scattato il pestaggio in pieno giorno che è stato comunque ripreso da una telecamera di sorveglianza. È stato un minuto e mezzo di botte senza pietà nei confronti del 16enne: mentre il 20enne si accaniva contro di lui, altri cinque ragazzi che assistevano alla scena non hanno mosso un dito.

I carabinieri: "Inseguito per 200 metri e pestato"

Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, secondo la dinamica dell’accaduto, il ragazzo disabile non immaginava che da lì a poco sarebbe stato aggredito. "Il sedicenne non si aspettava l'aggressione, guardava l'erba. All'improvviso ha sollevato lo sguardo e si è trovato davanti lo sconosciuto che lo ha colpito con un primo schiaffo. A quel punto è stata una escalation e - riferiscono ancora i carabinieri - nonostante abbia tentato di scappare è stato inseguito per circa 200 metri e picchiato ancora".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO