Ecco lo Speciale che riguarda Visco e la Guardia di Finanza

fiamme%20gialle.jpg

Fino a dove arrivano le interferenze della politica nell'economia? Il caso Visco, di cui si parla tanto in questi giorni, ha fatto emergere preoccupanti interrogativi sui legami tra il mondo politico, il potere e il mondo degli affari. Per una vicenda che viene a galla, quante ne restano sommerse?

Di scandali di questo genere, in realtà, è pieno il mondo. Vi dice niente il caso Wolfowitz e lo scandalo Enron?

Ma veniamo al caso Visco (Libero Pensiero): "Riassumendo: il vice-ministro delle Finanze Visco, per la prima volta nella storia della Repubblica, decide di trasferire 4 ufficiali della Guardia di Finanza. Casualmente (?), costoro erano stati impegnati in inchieste molto delicate (che toccavano anche il partito di appartenenza dello stesso Visco, i DS). In un paese normale, uno si aspetta motivazioni valide per decisioni di tale gravità: invece nulla. Silenzio. Tale comportamento non può non far aumentare i sospetti che ci sia qualcosa di torbido".

La prima impressione, però, è che quando gli scandali succedono all'estero, le persone coinvolte generalmente vengono rimosse dal potere. In Italia, invece, salvo rare eccezioni, ci si sposta soltanto da una poltrona all'altra.

Il generale della Guardia di Finanza Roberto Speciale, però, non ha accettato la proposta.

E infatti Libero Pensiero si chiede: "Quando il caso esplode, Prodi prende in mano la questione, e in un Consiglio dei ministri decide delle mezze soluzioni (che intorbidiscono, se possibile, ancor di più le acque). Decide lo spostamento di Speciale alla Corte dei Conti. E qui la prima domanda sorge spontanea: ma se un servitore dello stato è infedele tanto da essere cacciato, perchè spostarlo in un altro organo dello stato, tanto di più di tanta rilevanza?".

Anche su Demodossalogia e Opinione Pubblica si legge: "Se un viceministro delle Finanze, nel corso di un amichevole colloquio con il comandante generale della Guardia di Finanza, magari tra una tartina di caviale e un bicchierino di vino passito, suggerisce di trasferire quattro ufficiali ad altre mansioni o sedi, non può certo essere accusato di aver interferito con l'Arma o svolto indebite pressioni. Era solo un suggerimento, non un ordine. (...) Quello invece che è grave è la "promozione" del generale Speciale ad un diverso incarico dopo le discussioni sui giornali e in Parlamento. Non per il fatto in se, ma come avvertimento all'Arma dei Carabinieri se, per malaugurato caso, la Benemerita avesse intenzione d'indagare in una direzione non gradita dal potere politico".

viscogdf.jpgEcodiario riflette su fiducia e Istituzioni: "In economia chi governa deve essere "trusted", fidato, deve ispirare fiducia ai cittadini, alle industrie ed ai mercati, in economia vicende come quella di Visco sono una iattura perchè fanno danno alla serietà ed all'onestà dell'Italia, perchè mostrano il lato oscuro di una politica di affari non trasparenti.....e l'economia teme l'ombra e la nebbia più di ogni altra cosa".

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO