I marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone