Gravina, quei corpi mummificati nel pozzo sono dei due fratellini Pappalardi

gravina.jpg

UPDATE 19.00: La notizia terribile è arrivata: i due fratellini Ciccio e Tore sono morti per il freddo e per la fame. Gli indizi sul padre rimangono gravi.

UPDATE 17.00: I corpi sono stati recuperati nel primo pomeriggio. I fratellini, quando sono caduti nel pozzo, erano ancora vivi. Secondo gli inquirenti i due piccoli hanno sofferto una morte orribile. Resta ancora da capire se siano stati gettati o se siano caduti nel pozzo per sbaglio. 

----------------------------- 

Una scoperto scioccante avvenuta per caso, una scoperta che quasi certamente metterà la parola fine alla terribile vicenda dei due fratellini Pappalardi di Gravina di Puglia; peccato che la parola fine coincida con l'ipotesi peggiore, di cui gli inquirenti tuttavia parlavano già da tempo.

Giusto ieri si era concluso nel migliore dei modi l'incubo di Filippo, un bambino di 11 anni che era caduto in un profondo pozzo (20 metri), ma era stato salvato dopo poche ore. I soccorritori erano riusciti a salvarlo in poco tempo, ma avevano fatto un'altra scoperta; la più terribile: sul fondo del pozzo hanno trovato due corpi mummificati. E' passato poco tempo perchè si avesse la quasi certezza che si trattassero dei due fratelli di Gravina scomparsi nel giugno del 2006. Ricordiamo oltretutto che il padre dei due è in carcere con l'accusa di omicidio.

gravina%202.jpg

E' stato il sindaco della città, Rino Vendola, a dire: «I miei informatori mi hanno detto che i resti sono dei due fratellini, di più non posso dire». Insomma, si tenta di non dare ancora ufficialità ad una notizia che in realtà sembra ormai aver bisogno solo di una quanto mai inutile ufficialità. Per dirla in parola semplici i due corpi sono sicuramente quelli dei bambini.

Se il piccolo Filippo ieri non fosse caduto in quel pozzo probabilmente quei corpi non sarebbero mai saltati fuori. I cani non sarebbero riusciti a sentire odori a quella profondità. Ora resta da chiarire una cosa: i due ragazzi sono caduti nel pozzo oppure sono stati gettati?

Uno dei corpi aveva accanto brandelli di vestiti riconducibili ai due fratellini: colore e tipologia sembrano coincidere.

E' solo il procuratore Emilio Marzano a sottolineare che finché i resti non saranno recuperati non si può affermare che appartengano ai fratellini scomparsi. «Non c'è alcuna certezza, siamo qui per verificare» ha detto all'Ansa, confermando però che i resti trovati appartengono a due corpi. Tutti pensano che stia per essere risolto definitivamente il giallo della scomparsa dei fratellini, sia pure spezzando per sempre il filo della speranza che siano ancora vivi. Ma sino a che i resti non saranno portati fuori del pozzo la certezza non si potrà avere. Intanto l'avvocato Angela Aliani, legale del padre dei bambini Filippo Pappalardi, ha chiesto di entrare nello stabile ma non le è stato accordato il permesso.

Questa mattina ci sarà la rimozione dei corpi. Solo dopo potremo capire se i bambini sono caduti o sono stati uccisi.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO