Strage di Erba, la difesa: Rosa Bazzi e Olindo Romano non erano sul luogo del delitto

rosaolindo.jpg

Il processo per la strage di Erba assume toni sempre più foschi. Rosa Bazzi e Olindo Romano puntano a ritrattare e colorano le proprie testimonianze con le truci descrizioni di Azouz Marzouk.

Stamattina l'avvocato Pacìa ha consegnato un dattiloscritto a tutti i membri della giuria che spiegava perchè Rosa e Olindo sono innocenti. 

Secondo la difesa infatti, ''i coniugi Romano non potevano essere sul luogo del delitto, entrare in lavanderia dove si sarebbero cambiati, uscire e non essere notati da nessuno''. Una tesi che, secondo il legale Pacia, è legata a "tempi sicuri e cronometrici'' e che l'audizione di altri testimoni potrebbe confermare ''sostenendo l'assoluta estraneità'' degli imputati.

L'avvocato Pacìa ha poi cercato di spostare l'attenzione su Azouz Marzouk e sulle risse che aveva provocato ai tempi della detenzione in carcere. Anche Raffaella Castagna sarebbe stata aggredita dai compagni del marito, come risulta dalla testimonianza di una sua amica, Maria Ines Valli.

Ci domandiamo a quali altre strategie di difesa dovremo assistere nelle prossime udienze. A volte ci sembra che la strage di Erba voglia rimanere impunita.

  • shares
  • Mail
143 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO