Mentre a Parma si piange Matteo Bagnaresi per la morte di Filippo Raciti arrestato un ventunenne

ultra_parma01g.jpg

UPDATE!
E' spuntata una mail, riportata dal blog VitainUfficio, inviata l'anno scorso da Matteo Bagnaresi a un gruppo musicale, gli Offlaga Disco Pax, "colpevoli" di aver detto in una loro canzone la frase "Grazie Regan, ora bombarda Parma". 

A Parma nella notte sono apparse scritte e striscioni in ricordo di Matteo Bagnaresi e per ora non si hanno ulteriori novità sulla vicenda. Intanto la famiglia si è chiusa nel silenzio.

Calciomalato ha scelto di non parlare della morte del ragazzo, per restare fuori dal "teatrino" dei media

La famiglia ha chiesto di dire “soltanto che era un ragazzo laureato” e di lasciarla nel suo profondo dolore. Da una parte, quindi, c’è la richiesta della famiglia di non strumentalizzare il suo dolore, dall’altra la necessità di dare un’informazione completa: per questo motivo, quindi, per non venire meno alle richieste delle famiglia, preferisco lasciare ad altri quello che sarà il macabro "teatrino" dei media.

Il fatto che il Matteo appartenesse a centri sociali e gruppi antifascisti ha fatto scatenare la blogosfera in quella direzione, senza dimenticare le solite "polemiche" sulle polemiche. 

Spunta una nuova testimonianza sul Corriere di un testimone "super partes".

Le sue parole confermano nella sostanza il racconto dell'autista che ha investito e ucciso il giovane tifoso gialloblù. E avvalorano, assieme ai racconti di altri tifosi sentiti ieri, la ricostruzione che parla di un attacco dei Boys parmigiani contro i supporter della Juventus. «È stata un'aggressione deliberata», ha messo a verbale Siro Spolti, l'autista. È partito con la portiera aperta, mentre i sostenitori bianconeri saltavano a bordo. L'ultimo è rimasto steso sui gradini, impediva a Spolti sia di chiudere la porta sia di ingranare la terza. Da quella parte l'autista vedeva avvicinarsi ragazzi con le cinghie, tanto che ha fatto un mezzo zig-zag per evitarli, scartando a sinistra.

Nessuna replica sul sito dei Boys, che rispetto a ieri ha reso possibile l'accesso solo al comunicato di saluto al "Bagna" togliendo tutte le altre sezioni, mentre su un forum si leggono inviti al silenzio per rispetto.

Intanto da Catania arriva la notizia di un nuovo arresto per la morte di Filippo Raciti, nella notte dei disordini del 2 febbraio 2007. Si tratta di Daniele Micale, di 21 anni. Va ad unirsi all'indagato principale della vicenda: Antonino Speziale, ora maggiorenne. Secondo l'accusa i due avrebbero colpito con un sottolavello in alluminio (accidenti) l'ispettore provocandogli la lesione al fegato che ha procurato la sua morte. Micale sarebbe incensurato ed estraneo a gruppi di tifoseria organizzata. Ma forse in quelle circostanze di guerriglia il fatto di appartenere o no a una tifoseria organizzata è irrilevante.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO