Perugia, il vicino di casa di Meredith avrebbe visto Knox e Sollecito: siamo alla svolta?

giornale.png

Intanto che si continua a dibattere se sia stato "giusto sì" o "giusto no" trasmettere su Telenorba le immagini del cadavere di Meredith Kercher (al momento le percentuali del nostro sondaggio non mostrano una posizione netta. Se si gira per la blogosfera infatti si riscontrano atteggiamenti molto farisaici) le indagini potrebbero essere a un punto di svolta. Ma aspettiamo a cantare vittoria.

Intanto, se ancora non avete votato, avete a disposizione il sondaggio qui sotto per farci sapere la vostra sul filmato mandato in onda da Telenorba.


Create polls and vote for free. dPolls.com

Visto che i pc dei due indagati principali, Amanda Knox e Raffaele Sollecito, si sono dimostrati inutilizzabili perchè danneggiati da un probabile shock elettrico (che sfortuna!) si recupera un nuovo testimone, un vicino di casa 60enne della Kercher.

La storia è stata raccontata al Giornale dell'Umbria prima che l'uomo decidesse di deporre ed è rimasta blindata per due mesi. trafiletto.png

Panorama intanto aggiunge un dettaglio importante a tutto quello che già sappiamo del delitto: Meredith sarebbe stata in pre-coma etilico per avere in corpo 2,3 grammi per litro di alcool, una dose sestupla rispetto a quella rilevata inizialmente. Considerando che secondo gli esperti già con 1,6 grammi si ha una forte diminuzione delle percezioni e notevoli difficoltà motorie, Meredith probabilemente non sarebbe stata in grado di reagire. Se si pensa in quest'ottica il delitto risulta molto più cruento. 

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO