Gravina, oggi l'ultimo addio a Ciccio e Tore

pappalardi%20funerale.jpg

UPDATE Ore 17.25: – La funzione è finita, le bare lasciano la cattedrale tra gli applausi della gente. Filippo Pappalardi abbraccia i due feretri. 

UPDATE Ore 17.10: Lo zio di Filippo Pappalardi legge una lettera scritta dal padre dei due fratellini. 

UPDATE Ore 16.45: Durante l'omelia, monsignor Paciello fa un lungo excursus sui pericoli del mondo giovanile: “La società  chiude gli occhi davanti ai disagi dei bambini – dice - tutti possono fare molto di più per i ragazzi e gli adolescenti”. 

UPDATE Ore 16.00: E' cominciato il funerale dei fratellini Pappalardi nella cattedrale di Gravina di Puglia. Nel piazzale della Cattedrale e' stato allestito un maxischermo sul quale viene proiettata la cerimonia funebre.

Saranno celebrati questo pomeriggio nella cattedrale di Gravina di Puglia i funerali di Ciccio e Tore, i due ragazzini scomparsi il 5 giugno 2006 e ritrovati 20 mesi dopo in una cisterna abbandonata, morti di fame e di freddo.

I feretri sono giunti ieri, accompagnati dal papà dei bambini, Filippo Pappalardi, che è scoppiato a piangere e ha abbracciato le due bare bianche. Dopo qualche istante la veglia funebre in una cattedrale gremita di gente. “Loro sono nella pace vera – ha detto monsignor Mario Pacellosono nelle braccia di Gesù come i bimbi della Palestina”.

Questa mattina a rendere omaggio alle due piccole bare ci sono i compagni di scuola e alcuni insegnanti, mentre continua il flusso delle persone che si recano in chiesa per salutare per l'ultima volta Francesco e Salvatore. 

Seduto in prima fila, vicino alle bare, c'è il papà dei ragazzini, che la procura aveva accusato di aver sequestrato e ucciso i figli e che per questo ha trascorso 128 giorni in carcere. Ora, dopo la perizia del medico legale, la sua innocenza sembra provata, ma non si placano le polemiche su come siano state condotte le indagini.

Questo padre è innocente! – esclama La voce di Kayfa - C’è da chiedersi chi ripagherà quest’uomo per le offese morali subite per un'accusa infamante qual è quella di patricidio!”, mentre Spicchi di mondo parla di un “clamoroso caso di accanimento. D'altronde questi magistrati che per due anni non ci hanno capito nulla devono pur giustificare in qualche modo il loro operato”.

"Dopo i funerali di oggi pomeriggio -  scrive Wildgretai riflettori si spegneranno su questa vicenda che ha visto la morte di due bambini".

Viene solo da chiedersi se questo tragico epilogo si sarebbe potuto evitare: forse se le indagini fossero state condotte in maniera diversa questa, per Ciccio e Tore, sarebbe stata solo una brutta avventura. Non si riesce a capire, ad esempio, perché gli inquirenti non abbiano guardato subito in quel luogo conosciuto da tutti come luogo di ritrovo dei ragazzi del paese. Forse per la fretta di iscrivere qualcuno nel registro degli indagati?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO