Morte di Nicola Tommasoli: secondo l'autopsia non c'è stato accanimento

verona.jpg

Non ci sarebbe stato accanimento. L'autopsia effettuata sul corpo di Nicola Tommasoli, il ragazzo picchiato a morte da cinque naziskin per aver negato loro una sigaretta, evidenzia una grossa emorragia cerebrale e un vasto ematoma nella zona posteriore del collo. Lesioni gravi, ma che secondo il difensore di 3 dei 5 imputati, “non dimostrerebbero accanimento”.

La definizione è importante: in base a questa si deciderà se gli aggressori di Nicola dovrenno rispondere di omicidio volontario o preterintenzionale.

L'argomento continua a far discutere; molti cercano di analizzare le dinamiche sociali che hanno portato ad un simile episodio. “Questo paese ha una deriva pericolosa verso l'intolleranza per la diversità – scrive Pollicino - con troppa voglia di rincorrere facili soluzioni di pulizia e di punizione solo verso chi è più debole e meno tutelato e troppa indulgenza nei confronti di chi non rispetta le regole ma ha il vestito della festa”.

Buridda prende spunto dalla recente tragedia per analizzare il clima che si respira a Verona, mentre Gery Palazzotto si chiede “quale attenuante giudiziaria può recintare la violenza che spinge un branco di ventenni ad agire in modo così selvaggio e insensato?”. Sostenibile commenta le parole di Gianfranco Fini, “non solo insensate, ma anche completamente incoerenti”, alle quali tuttavia si può riconoscere un'attenuante.

Per i cinque aggressori, per il momento, l'accusa rimane di omicidio preterintenzionale. L'interrogatorio di convalida dei fermi è fissato per domani: pur avendo ammesso parzialmente le proprie responsabilità, nessuno ha confessato di aver preso a calci Nicola quando era già a terra, procurandogli un'emorragia celebrale.

Uno di loro, Andrea Vesentini, sostiene di aver cercato si separare i suoi compagni e gli amici di Tommasoli che si stavano picchiando. “Non c'è stata nessuna rissa – dice invece una degli amici di Nicola – siamo stati aggrediti alle spalle”.

Intanto proseguiranno anche gli esami autoptici sul corpo di Nicola: oggi è stato prelevato il cuore e alcuni tessuti per verificare eventuali patologie o malformazioni. Come se la causa della morte potesse essere cercata altrove, e non nei calci e nei pugni ricevuti senza motivo. 

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO