Massacro del Circeo: Gianni Guido torna in libertà

gianniguido%282%29.jpg

Giovanni Guido, uno degli assassini del Circeo, è uscito dal carcere dove stava scontando 30 anni di detenzione per l'omicidio di Rosaria Lopez e la violenza su Donatella Colasanti.

Guido, che ora ha 52 anni, finirà di scontare la sua pena nell'agosto 2009, ma già dall'11 aprile il dipartimento di amministrazione penitenziaria gli ha concesso la libertà vigilata: dopo il lavoro può passare la notte a casa dei genitori.

Negli anni trascorsi in carcere ha studiato, laureandosi in Lingue e Letterature straniere e non ha mai voluto rilasciare un'intervista né parlare di ciò che è accaduto la sera del 30 settembre 1975, quando insieme ad Andrea Ghira e Angelo Izzo invitarono due loro amiche, Donatella Colasanti, di 17 anni, e Rosaria Lopez, di 19, ad una festa a casa di Ghira, sul promontorio del Circeo, per poi violentarle e seviziarle.

Rosaria fu uccisa, annegata in una vasca, mentre Donatella riuscì a salvarsi fingendosi morta. Izzo e Guido furono arrestati entro poche ore, mentre Ghira non fu mai catturato. Izzo, in regime di semi libertà, nel 2005 tornò ad uccidere: a farne le spese furono una donna e sua figlia, una bambina, ritrovate nelle campagne di Campobasso.

Ma Gianni non è come Izzo” affermano i genitori di Guido in un'intervista al Corriere della Sera. “Mio figlio ha pagato – dice la mamma – E non sarà facile rifarsi una vita alla sua età. Noi di sicuro in questi anni non l'abbiamo mai abbandonato”. Anche il padre si dice convinto che “la famiglia è l'unico posto dove un detenuto possa riuscire a reinserirsi. L'unica vera comunità di recupero per chi esce dal carcere”. Ma aggiunge: “Cosa farà Gianni dopo aver espiato la sua pena?”.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO