Nasce il reato di stalking: carcere fino a quattro anni per i molestatori

stalking%282%29.jpg

La maggior parte delle violenze sulle donne non è commessa da sconosciuti ma da ex fidanzati, ex mariti, conoscenti, parenti, amici. Spesso si tratta di violenze annunciate da telefonate ossessive, pedinamenti, minacce.

Ma da ieri lo stalking è reato anche in Italia: il disegno di legge Carfagna – Alfano punirà chi si rende colpevole di atti persecutori con pene che vanno da uno a quattro anni di reclusione. Sono previste delle aggravanti se il reato è commesso dall'ex coniuge o da una persona che aveva una relazione affettiva con la vittima, nel caso in cui lo stalker sia armato o mascherato e se la violenza è esercitata in gruppo. In caso di omicidio preceduto da stalking la pena prevista è l'ergastolo.

Otra vez racconta la sua brutta esperienza, fortunatamente finita bene, con un suo ex fidanzato che la perseguitava. Tra pelle e cuore spera che con questo disegno di legge “si offra alle donne una sempre maggiore tutela penale, evitando di strumentalizzarle ai fini di pura propaganda politica”,mentre il pensiero di Chi dice donnava a chi ha subito questa tortura fisica e mentale e a chi ci ha perso la vita”.

Secondo l'Osservatorio nazionale stalking la metà dei casi di molestie è compiuta da ex mariti ed ex fidanzati e almeno il 20% degli italiani, tra il 2002 e il 2007, è stato vittima di persecuzioni: nell'88% per cento dei casi la vittima è una donna.

“L'introduzione del reato di stalking mette l’Italia al passo con gli altri Paesi che hanno già legiferato in proposito - commenta il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna - la tutela delle vittime delle molestie insistenti è necessaria per la prevenzione di violenza sessuale e omicidi passionali”.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO