L'appello di Facebook: "per Federica Squarise vogliamo giustizia"

Molti gli appelli apparsi su Facebook per ottenere giustizia.

fedefacebook.jpg


UPDATE 1 dicembre 2011: il Gordo è stato condannato a 17 anni di carcere.


Questa mattina è incominciata l'autopsia del corpo ritrovato ieri a Lloret de Mar e che sembra ormai con certezza appartenere a Federica Squarise, la 23enne padovana scomparsa una settimana fa.


"Chiunque abbia visto qualcosa la notte della scomparsa lo dica" è intanto l'appello che ha lanciato la polizia spagnola.
Su Facebook, intanto, è stato aperto un gruppo in memoria di Federica "per quelli che cercano giustizia in un mondo globale" utilizzando questo social network per diffondere l'appello della polizia spagnola. Già moltissime sono le persone che hanno lasciato un commento e che richiedono giustizia e chiarezza sulla morte della ragazza.

L'avvocato della famiglia Aldo Pardo stamattina ha lanciato un appello per bloccarla, essendo incominciata senza la sua presenza e di attendere il suo arrivo all' Istituto di medicina legale di Girona. "E' una notizia terribile - ha detto il legale - Nessuno li ha autorizzati. Noi vogliamo assistere agli esami, è un nostro diritto sapere cosa è successo".

Intanto il medico legale professor Bardalet riguardo al corpo ha detto: "È irriconoscibile". E aggiunge che l'autopsia durerà circa 5-6 ore a causa del corpo in "pessimo stato" e che i risultati non saranno pronti "prima di parecchi giorni". Secondo fonti non ufficiali spagnole il corpo non avrebbe alcuna ferita da arma da taglio o da arma da fuoco. Per le cause della morte, invece, si sospetterebbe l'asfissia o un colpo alla testa.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO