Federica Squarise, la salma in Italia: Lloret de Mar è maledetta?

Dopo l'omicidio di Federica Squarise ci si domanda: Lloret de Mar è una città 'maledetta'?

fedeluogo.jpg


UPDATE 1 dicembre 2011: il Gordo è stato condannato a 17 anni di carcere.


Finalmente Il Tribunale di Blanes ha autorizzato il rimpatrio del corpo, a seguito della conclusione delle perizie e dell'esame del Dna che hanno confermato essere il cadavere della giovane padovana, ritrovato in avanzato stato di decomposizione il 7 luglio scorso in un parco di Lloret de Mar non lontano dall'hotel dove Federica alloggiava.

I funerali potrebbero pertanto svolgersi domenica prossima, secondo quanto detto dal legale della famiglia Aldo Prado  'Il carro funebre che abbiamo inviato dall'Italia e' già lì" spiega l'avvocato "manca ancora il 'passaporto funerario' che consente di trasportare la salma da un Paese all'altro".

Nella città spagnola è stato proclamato lutto cittadino per rispetto a Federica. Riguardo alla possibilità di effettuare un ulteriore esame autoptico, l'avvocato Pardo chiarisce: "L' Istituto di medicina legale di Girona è tra i migliori al mondo, a quanto mi risulta il pm del Tribunale di Padova avrebbe deciso di non ritenere necessario effettuare un controllo della perizia, ma domani ci metteremo in contatto con il medico legale di parte per decidere definitivamente".


Continuano ad essere puntati i riflettori della stampa sulla cittadina di Lloret de Mar, uno dei maggiori luoghi di divertimento della Costa Brava.


E' stato infatti trovato un cadavere con una profonda ferita alla testa in una strada non distante dalla zona della 'movida' notturna della località balneare, teatro del delitto di Federica Squarise. L'uomo sarebbe stato coinvolto in una violenta rissa. Lo si apprende da fonti investigative della polizia autonoma catalana dei Mossos d'Esquadra.


Gli inquirenti avrebbero gia' scartato la pista del decesso dovuto a cause naturali in seguito ad una caduta accidentale, indirizzando piuttosto le indagini su un nuovo sospetto caso di omicidio, dopo quello della giovane padovana.

sua.jpg

Sul web si continua a parlare delle notti dei giovani a base di sesso, droga e alcol (il trionfo dei luoghi comuni?) e chi invece crede che non si può ricondurre tutto a questi facili giudizi come Crimeblog.

Per i genitori di Federica intanto, questa straziante attesa è accompagnata non solo da parenti, amici o conoscenti ma anche dal sostegno di tutti i cittadini di San Giorgio delle Pertiche, nel padovano, dove Federica era conosciutissima.

In una delle fiaccolate che sono state fatte in ricordo della ragazza, uno dei momenti più emozionanti, secondo una testimonianza su Facebook, è stata la lettura, da parte della presidente dell'Associazione Dona Activa di Lloret, di un messaggio in cui esprimeva "il dolore per una ragazza di 23 anni che è morta solo per il fatto di essere donna e che era una giovane venuta in vacanza e che non potrà far ritorno nel suo Paese". Per il sindaco di Lloret, Xavier Crespo, la veglia è stata un'espressione collettiva di "tristezza, dolore e rifiuto della violenza sulle donne"

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO