Attentato a Kashgar: arrestate 18 persone, ma a Pechino è alta tensione

polizia-cina.jpgLe Olimpiadi di Pechino si avvicinano a grandi passi. Il segretario del Partito Comunista cinese di Kashgar, Shi Dagang, ha dichiarato in una conferenza stampa che la polizia cinese ha arrestato 18 persone. Sarebbero loro i colpevoli (si fa il nome del "Movimento islamico del Turkestan orientale") dell'attentato di ieri nello Xinjiang costato la vita a 16 poliziotti.

Intanto il Bocog, il Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Pechino, ha gettato acqua sul fuoco. "Siamo in grado di garantire la sicurezza dei Giochi - ha detto Sun Weide, portavoce del Bocog - E' già stato dispiegato un imponente sistema di sicurezza e siamo pronti a far fronte a qualsiasi genere di minaccia".

Insomma, la Cina vuole dimostrare al mondo che la situazione è sotto controllo, ma la realtà è che la tensione è altissima. Pensate che i giornalisti sono seguiti costantemente da poliziotti in borghese e che un fotografo dell'Afp si è visto sequestrare alcune fotografie scattate. Inoltre è in corso una polemica con il Giappone in merito ai due reporter che sarebbero stati percossi senza motivo dalla polizia pechinese.

Non ci sono notizie ufficiali, ma pare che tutte le strade verso Pechino abbiano posti di blocco e che la vigilanza sia raddoppiata negli ultimi giorni. Tutto deve filare liscio...

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO