"Il mio nome è Maddie e lei non è la mia mamma": si riapre il caso McCann ad Amsterdam

maddieapertura.jpg

"Mi chiamo Maddie e lei non è mia mamma", questa la frase che una bambina, molto somigliante a Madeleine McCann avrebbe pronunciato rivolgendosi a una commessa.

La piccola scomparsa in Portogallo oltre un anno fa mentre era in vacanza con i genitori e i due fratelli gemelli, scatenò una massiccia e criticatissima campagna mediatica.

Ebbene, la clamorosa notizia, è stata riportatata oggi dal tabloid inglese The Sun (qui l'articolo completo): la bambina sarebbe stata avvistata in un negozio ad Amsterdam un anno fa insieme ad una strana coppia, che diceva di lavorare in un circo.

La piccola, avrebbe poi aggiunto in inglese, sempre rivolta alla commessa: "Quella non è mia mamma. Mi hanno preso mentre ero in vacanza".
 
I genitori, Kate and Gerry McCann, non sarebbero mai stati avvertiti della cosa dalla polizia, nonostante la commessa del negozio, Anna Stam di 41 anni, avesse prontamente allertato le autorità olandesi un mese dopo aver letto della comparsa di Maddie. Ma come è possibile che una notizia di tale importanza sia passata sotto silenzio? Che la polizia portoghese abbia sottovalutato un dettaglio di questa importanza? Perchè una rivelazione che poteva essere fondamentale è stata persa?
 
Il 18 giugno del 2007, qualche giorno dopo, la polizia olandese avrebbe avvertito i colleghi portoghesi, ma la cosa non sarebbe stata riferita ai coniugi McCann.
 
Il detective privato che lavora per la famiglia McCann è subito volato nella capitale olandese per seguire questa nuova traccia.
 
Inoltre la famiglia non è mai stata avvertita di questa immagine scattata poche ore dopo il "rapimento" in una stazione di benzina.


   maddiefilm.png

Chissà se questa agghiacciante rivelazione potrà aiutare e scrollare le indagini che finora sono apparse piuttosto confuse. 

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO