Dalla Regione Lombardia arriva il no alla sospensione dell'alimentazione di Eluana

eluana_englaro.png

"Il personale sanitario non può sospendere l’idratazione e l’alimentazione artificiale del paziente: verrebbe meno ai suoi obblighi professionali e di servizio".

E' questa la risposta che il direttore generale della Sanità della Regione Lombardia, Carlo Lucchina dà al signor Beppino, il padre di Eluana Englaro che, attraverso i suoi legali, aveva presentato la richiesta alla Regione per sapere in quale struttura sanitaria far ricoverare Eluana.

Una lettera questa che, a quasi due mesi dalla decisione della Corte d'Appello Civile del tribunale di Milano dove si autorizzava la sospensione dei trattamenti di idratazione e alimentazione forzata che la tengono in vita, rimette nuovamente le carte in tavola, e c'è da scommetterci: vi saranno ancora nuova polemiche.

Dovrà lottare ancora molto il papà di Eluana che da tempo aspetta di liberarla. E mentre si discute sulla sua sorte Eluana, in coma vegetativo da 16 anni, è protetta e assistita da alcune religiose nella casa di cura monsignor Luigi Talamoni a Lecco.

Nella lettera, che viene in parte riportata da Corriere.it, si legge "La richiesta da Lei avanzata non può essere esaudita in quanto le strutture sanitarie sono deputate alla presa in carico diagnostico-assistenziale dei pazienti. In tali strutture, hospice compresi, deve inoltre essere garantita l'assistenza di base che si sostanzia nella nutrizione, idratazione e accudimento delle persone".

Viene poi sottolineato nella lettera come negli hospice (ovvero quei centri residenziali che offrono cure palliative) possono essere accolti solo malati in fase terminale: "Il personale sanitario che procedesse, in una delle strutture del Servizio Sanitario, alla sospensione dell'idratazione e alimentazione artificiale verrebbe dunque meno ai propri obblighi professionali e di servizio anche in considerazione del fatto che il provvedimento giurisdizionale, di cui si chiede l'esecuzione, non contiene un obbligo formale di adempiere a carico di soggetti o enti individuati".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO