Polonia, segregata e violentata per sei anni dal padre, un nuovo mostro Fritzl?

segregazione_polonia.pngOrrore in Polonia. Un uomo è stato arrestato con l'accusa di violenza familiare nei confronti della figlia di 21 anni, tenuta imprigionata per sei anni, e stuprata ripetutamente.

La vicenda ricorda quella dell'austriaca Elisabeth Fritzl, la giovane segregata per 24 anni nella cantina di casa dal padre, il cosiddetto "mostro di Amstetten", dal quale ebbe 7 figli.

La nuova vittima si era presentata la settimana scorsa alla polizia di Siematycze, nella Polonia orientale, accompagnata dalla madre, denunciando che il padre la violentava dall'eta' di 15 anni e le impediva di allontanarsi da casa dopo.

Legata e minacciata con un coltello, viveva un vero e proprio inferno tra le mura domestiche. Un rapporto incestuoso dal quale sarebbero nati anche due bambini nel febbraio 2005 e nel gennaio 2007, lasciati poi in ospedale per l'adozione.

La donna ha raccontato alla polizia che l'uomo l'aveva costretta ad abbandonarli, dopo averla accompagnata al parto.

L'uomo dopo la denuncia ha tentato la fuga ma è stato comunque arrestato a Siedlce, nel centro della Polonia. Ora rischia una condanna a 15 anni per violenza familiari.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO