Egitto, cinque italiani rapiti, chiesti 15 mln di dollari di riscatto

sequestro.jpg

UPDATE! Ore 18,10: Secondo il sito del giornale tedesco Bild, i turisti rapiti sono stati liberati e sarebbero già in viaggio verso Assuan. Bild cita un funzionario egiziano che dietro condizione di anonimato ha rivelato che il gruppo, di cui facevano parte anche 5 tedeschi e una romena e 8 egiziani, oltre ai cinque italiani, aveva sconfinato inavvertitamente in Sudan dove sarebbe avvenuto in realtà il sequestro. 

UPDATE! Ore 16,40: Secondo la TV Al Jazeera il gruppo di turisti è già stato rilasciato e il tentativo non era di rapirli ma di rapinarli. La Farnesina sta verificando.

UPDATE! Ore 14,15: Gli italiani rapiti sono tre donne e due uomini, della provincia di Torino ed è stato chiesto un riscatto di 15 milioni di dollari.

UPDATE! Ore 13,11: Il primo canale della tv di stato egiziana ha reso noto che i rapitori hanno chiesto un riscatto imprecisato per liberare i turisti rapiti, tra i quali cinque italiani.

rapimento%20assuan.jpg

Cinque cittadini italiani sono stati rapiti in Egitto assieme a una decina di altri turisti di diverse nazionalità, tra cui due israeliani. Secondo la conferma arrivata in questi istanti dalla Farnesina, gli italiani sarebbero ora "tenuti in ostaggio".

Il gruppo dei turisti rapiti è di 10-15 persone e il sequestro è avvenuto ad Assuan, nel sud dell'Egitto. E' possibile che i turisti siano stati portati in Sudan. Secondo quanto hanno riferito alcune fonti gli italiani sarebbero tutti piemontesi, probabilmente originari del Torinese.

Non ci sono per ora notizie sul motivo del sequestro o possibili rivendicazioni, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, in volo per gli Stati Uniti, sta seguendo il caso attraverso l'Unitá di crisi che è stata immediatamente attivata, insieme all'ambasciata al Cairo e ha chiesto ai mezzi di informazione di gestire la vicenda con "ogni possibile cautela" e per ora ha preferito non diramare ulteriori dettagli sull'esatta località in cui il rapimento è avvenuto.

Frattini ha dato disposizioni di attivare la piena collaborazione tra i Paesi interessati, e il ministero in queste ore mantiene stretti contatti con gli altri ministeri degli Esteri, oltre che con le diverse autoritá italiane e gli uffici diplomatico-consolari in Egitto. Blogosfere continuerà a seguire la vicenda nel suo evolversi, con tutti gli aggiornamenti. (l'immagine del punto in cui è avvenuto il sequestro da repubblica)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO